#NotHim: le donne contro Bolsonaro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:00

Sta diventando virale in Brasile la campagna #NotHim, promossa da a attiviste, attrici, giornaliste e cittadine brasiliane per ostacolare la corsa alla presidenza di Jair Bolsonaro, grande favorito al voto del 7 ottobre.

La campagna

Finora milioni di brasiliane hanno già aderito alla campagna, in segno di protesta per le prese di posizioni offensive del candidato di destra su donne, neri e minoranze sessuali. Per dargli battaglia hanno scelto un terreno in cui Bolsonaro è, però, molto forte: i social network. On-line il candidato del partito conservatore di destra e' uno dei politici brasiliani più influenti, con 10,5 milioni di followers su Twitter, Facebook e Instagram.
La campagna con l'hastag #EleNao (#NotHim) è nata in reazione alla sua accesa folgorante nei sondaggi. Tra i tweet anti-Bolsonaro più condivisi, quelli della note attrici Fernanda Paes Leme e Deborah Secco nonché quelli di Sasha Mengel, figlia della popolarissima presentatrice tv di programmi per bambini, Xuxa Meneghel. All'unisono chiedono ai loro milioni di followers di “aiutarle nel far cambiare idea” agli elettori ancora indecisi. “Scegliere Bolsonaro significherebbe una regressione pericolosa” denunciano i volti piu' noti della campagna.

Estremista

In base all'ultimo sondaggio realizzato dall'istituto Datafolha il 49% delle brasiliane sono contro Bolsonaro, che gode del sostegno del 17% delle elettrici. Ex ufficiale militare, è il candidato controverso della corsa elettorale brasiliana: apertamente omofobo, ha più volte dichiarato di apprezzare la dittatura militare degli anni 70-80 e ha insultato in pubblico le donne, chiedendo per loro uno stipendio più basso. Amato sui social e venerato nelle piazze, è un forte sostenitore delle politiche nazionaliste, di estrema destra e populiste. Bolsonaro è tuttora ricoverato dopo un attacco subito durante un comizio lo scorso 6 settembre. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.