Mogadiscio: attacco in un hotel, almeno 23 i morti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:34

Il terrore bussa nuovamente alle porte della Somalia. Dopo il mega attentato di due settimane fa, i terroristi islamici somali Al Shabaab sono tornati a colpire Mogadiscio con un sanguinoso attacco coordinato di due autobombe, un kamikaze e soprattutto l'assalto a un noto hotel del centro in cui, in serata, erano ancora intrappolate una ventina di persone. Il bilancio provvisorio di sangue indicato dalla polizia è di 23 morti e oltre 30 feriti ma potrebbe aggravarsi.

Le vittime dell'attacco all'hotel, secondo indiscrezioni, sono per lo più poliziotti e fra loro viene confermata la morte di un colonnello della polizia somala e di un ex deputato. In serata, mentre la battaglia ancora infuriava, i soccorritori hanno trovato i corpi di una donna e di tre bambini, uno dei quali un neonato, uccisi con un colpo d'arma da fuoco alla testa.

L'attacco è stato lanciato nel pomeriggio con un'autobomba che, forse guidata da un attentatore suicida, è esplosa davanti all'hotel Nasa-Habloid di Mogadiscio, nel pieno centro della capitale somala, nei pressi del palazzo presidenziale. Dopo circa mezz'ora nella zona è esplosa una seconda autobomba, stavolta vicino all'ex parlamento dove c'erano dei militari. Un kamikaze si è poi fatto saltare in aria sempre nell'area.

Dopo la prima esplosione c'è stata l'irruzione di cinque terroristi nell'hotel: un testimone ne ha visti entrare tre in divisa militare, applicando una tattica di travestimento già attuata in passato, e per ore si sono uditi spari provenire dall'interno. Sempre secondo i resoconti della polizia filtrati dai media, due Al Shabaab sono stati uccisi al primo piano mentre gli altri tre si sono asserragliati all'ultimo, lanciando anche granate contro la forze si sicurezza che ancora in serata cercano di stanarli. I terroristi hanno staccato la corrente all'edificio e quindi la battaglia stanza per stanza si combatte al buio. L'attacco è stato rivendicato dall'organizzazione integralista islamica somala mentre era ancora in corso l'azione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.