Licenziato lo storico conduttore di “Today”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:15

Cade un'altra testa eccellente sotto i colpi dello scandalo molestie. Si tratta di Matt Lauer – dal 1997 alla guida del “Today” show della Nbc – uno dei “re” dei talk americani, licenziato in tronco dal network dopo che una dipendente della compagnia lo aveva accusato di aver tenuto “un comportamento sessualmente inappropriato sul posto di lavoro”.

Silurato

“Lunedì sera abbiamo ricevuto un dettagliato reclamo da una collega in relazione al comportamento sessualmente inappropriato tenuto da Matt Lauer sul posto di lavoro“. Tale condotta, ha affermato in un memo il presidente della Nbc News, Andrew Lack, “ha rappresentato, dopo attenta analisi, una chiara violazione degli standard della nostra compagnia. Di conseguenza, abbiamo deciso di porre fine al rapporto professionale“. Nel documento, che è stato letto durante la puntata odierna di Today, si evidenzia che le accuse in questione sono le prime mosse a Lauer nell'arco di 20 anni. Allo stesso tempo, però, ci sarebbero elementi per supporre che l'episodio “non rappresenti un caso isolato“.

Re dei talk

Il provvedimento del network colpisce, come si diceva, uno dei pesi massimi della tv a stelle e strisce. Sul sito dello show, la biografia di Lauer è interminabile. Spiccano, nel ricchissimo curriculum, le interviste a 3 presidenti degli Stati Uniti e una serie interminabile di faccia a faccia con i personaggi più noti dello star system americano. Non è un caso, quindi, se persino Donald Trump abbia dedicato un tweet alla vicenda, prima di virare poi su un argomento a lui particolarmente caro: “Wow, Matt Lauer è appena stato licenziato dalla Nbc per 'comportamento sessualmente inappropriato sul posto di lavoro'. Ma quando saranno licenziati i dirigenti per la diffusione di fake news?”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.