Libia, scontri nel Paese: la produzione di petrolio scende del 60%

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:07

La produzione del greggio in Libia è scesa drasticamente del 60% negli ultimi giorni: la causa sono gli scontri tra forze filo-governative e milizie filo-islamiche nel polo petrolifero dell’est e della chiusura del porto di Sidra, il più grande scalo di esportazione. A riferire la notizia è una fonte del governo di Abdullah al Thani.

Secondo la stessa fonte, prima del calo la produzione in mano al governo era di 800 mila barili al giorno, cui si aggiungevano 340 mila barili al giorno nelle zone controllate dalle milizie di Fajr Libya fedeli al governo “parallelo” di Tripoli. Oggi le milizie filo-islamiche di Fajr Libya, Alba della Libi, hanno smentito di aver compiuto un raid aereo ieri sulla zona petrolifera nell’est del Paese.

“Non abbiamo usato alcun aereo” ha detto il portavoce militare, Ismail Shoukri, citato dai media libici, aggiungendo che obiettivo dell’offensiva terrestre è di “togliere l’assedio dei porti da parte di gruppi fuori legge”. Il riferimento è a Ibrahim Jadran, l’ex autonomista e capo delle guardie delle istallazioni petrolifere che per quasi un anno bloccò i porti di esportazione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.