Addiopizzo, al via la campagna natalizia anti-racket

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:07

Dal 19 al 21 dicembre, appuntamento a piazza Verdi a Palermo, Addiopizzo sarà presente con una fiera-mercato, una mostra fotografica e i laboratori di Guerrilla Gardening per coinvolgere e divertire anche i più piccini. La fiera vedrà i produttori esporre i loro prodotti a marchio “Certificato Addiopizzo” che sarà possibile acquistare, dal pomeriggio del venerdì sino alla sera della domenica, utilizzando AddiopizzoCard e alimentando così il fondo per l’investimento collettivo e accumulando punti per votare il progetto preferito, quello di Piazza Magione o quello del Parco della Favorita.

Proprio a questi due luoghi si riferisce la mostra “Il Colorito Dona”, a cura del fotografo Gabriele Lentini. Mostrandone gli scorci più significativi si vuole rivelare la bellezza e le potenzialità inespresse di questi luoghi. “In piazza – si legge in una nota dell’associazione – sarà possibile ricevere AddiopizzoCard e iniziare questo percorso di azione partecipata: acquistare i propri doni natalizi così vuol dire contribuire contemporaneamente a un cambiamento sociale e culturale ancor prima che economico. Inoltre, durante la tre giorni, sarà possibile partecipare ad una rappresentazione simbolica del processo di costruzione della riqualificazione di questi luoghi”.

Addiopizzo presenta infatti “Piantala: partecipa anche tu e fai rinascere i luoghi dell’investimento collettivo!”, un’iniziativa in cui i cittadini saranno coinvolti, attraverso un’attività di animazione, facendo loro scrivere il nome o una frase su un biglietto che potrà essere riposto su uno dei due gruppi di piante presenti in piazza. Adottando simbolicamente gli alberi di arance amare, previsti dal progetto di riqualificazione di piazza Magione, o le piantine di lentisco, piccoli arbusti tipici della macchia mediterranea, da piantumare in uno dei giardini di ingresso al Real Parco della Favorita, i cittadini saranno i protagonisti di un’azione partecipata.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.