LA STRAGE DEL MARE: NEL 2015 QUASI 3MILA MIGRANTI ANNEGATI

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:00

Sono stati 432.761 i migranti arrivati in Europa attraverso il Mar Mediterraneo nel 2015. La cifra è stata data dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, secondo cui il numero record è più del doppio di quello dell’intero 2014. Secondo l’Oim, al 10 settembre 2015 la Grecia ha visto arrivare via mare 309.139 persone mentre altre 121.139 sono giunte in Italia. Il numero dei migranti approdati in Spagna ammonta a 2.166 mentre 100 hanno scelto Malta. Nel 2015, stima l’Oim, 2.748 sono annegate nel tentativo di raggiungere l’Europa.

Intanto proseguono gli arrivi in Europa. Questa mattina, in sole sei ore, circa 7.600 sono entrati nel territorio dell’ex Repubblica jugoslava di Macedonia (Fyrom) dal confine meridionale con la Grecia. Lo ha affermato dall’Alto commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr). I profughi entrati nella Fyrom sarebbero quasi tutti siriani. “I nostri colleghi in Grecia ci informano che nuovi autobus che trasportano migranti stanno arrivando al confine greco-macedone. Pertanto nuovi arrivi sono attesi nelle prossime ore”, ha detto Alexandra Krause, responsabile del coordinamento dell’Unhcr in Fyrom all’agenzia di stampa “Mia”.

Secondo l’Unhcr dallo scorso 19 giungo, oltre 70 mila rifugiati sono entrati nel territorio macedone, crocevia nel loro viaggio verso i paesi Ue. Intanto a causa di uno sciopero dei treni, i migranti nella Fyrom vengono trasportati con pullman e taxi dalla cittadina di Gevgelija, al confine con la Grecia, a quella Tabanovce, al confine con la Serbia. Lo riferisce la stampa macedone secondo cui ieri e’ partito un ultimo treno con 2.000 migranti, mentre per oggi circa 4.000 profughi saranno trasportati con autobus o taxi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.