PROFUGHI, NUOVO “NO” DEL V4 ALLE QUOTE UE

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:00

Il vertice V4, cui aderiscono Repubblica Ceca, Polonia, Slovacchia e Ungheria, ha ribadito il suo “no” alla ripartizione dei migranti secondo il piano proposto dalla Commissione Europea. All’incontro ha partecipato anche il ministro degli Esteri tedesco, Frank-Walter Steinmeier, insieme al suo collega del Lussemburgo, Jean Asselborn, Paese titolare del semestre di presidenza Ue. L`Ungheria – rappresentata all’incontro dei quattro ministri degli Esteri dal suo capo della diplomazia Peter Szijjarto – ha persino rafforzato la propria linea già dura, annunciando per la prossima settimana la conclusione dei lavori di realizzazione del muro anti migranti al confine con la Serbia e l`arresto per coloro che lo oltrepasseranno illegalmente.

A nulla è valsa la richiesta di solidarietà avanzata al V4, il cosiddetto blocco dell`Est, dal ministro tedesco Frank-Walter Steinmeier, il quale oggi a Praga ha sottolineato che il suo Paese è meta finale della maggior parte dei migranti e che quest`anno ne sono attesi in Germania circa 800 mila. “Solo nel corso del prossimo fine settimana entreranno nel nostro territorio 40 mila profughi e dobbiamo essere d`accordo sul fatto che la Germania non può da sola farsi carico di questa situazione” ha dichiarato Steinmeier, definendo l`emergenza attuale come “la più sfida più grande che la Ue si sia mai trovata ad affrontare”. Parole che non sembrano aver impressionato gli interlocutori del Gruppo di Visegrad.

L`ungherese Szijjarto ha replicato che “non ha senso parlare di qualsiasi altra soluzione se non sarà preliminarmente risolta la questione della difesa dei confini esterni dell’Unione europea e la tutela dello spazio Schengen” ha detto, per poi annunciare per la prossima settimana la conclusione dei lavori di costruzione del muro con la Serbia e l`entrata in vigore di una norma che sanzionerà come reato con la pena del carcere, l`ingresso nel Paese da irregolari. “Quest`anno in Ungheria sono entrati 180 mila migranti e se non prendessimo questi provvedimenti entro la fine dell`anno rischiamo di vederne arrivare mezzo milione, forse più.” Il ministro ceco Lubomir Zaoralek, in qualità di padrone di casa, ha detto: “Noi ci rendiamo ben conto che solo congiuntamente possiamo trovare una soluzione a questa emergenza. Siamo pronti però a sostenere solo una via d`uscita che tenga conto di tutti gli aspetti del problema”. Confermando così il “no” anche di Praga alla proposta del presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker di distribuire negli altri Paesi membri 120 mila migranti che si trovano oggi fra Italia, Grecia e Ungheria. “La nostra posizione non è da intendere come una mancanza di solidarietà, ma piuttosto come il tentativo di avere una condotta solidale” gli ha fatto eco il suo collega slovacco Miroslav Lajcak.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.