Eurozona: surplus record nel commercio estero

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:00

Sembra davvero che la crisi sia ad un punto di svolta positivo: il 2014 si è chiuso con un livello record del surplus della bilancia commerciale dell’ eurozona. L’avanzo, sottolinea Eurostat nella prima stima, è stato pari per lo scorso anno a 194,8 miliardi, contro i 152 fatti segnare nel 2013, con un guadagno a dicembre di 24,3 miliardi di euro, a fronte dei 13,6 miliardi di attivo dello stesso mese un anno prima. La crescita è notevole, infatti l’anno precedente l’avanzo commerciale dell’eurozona era stato pari a 152,3 miliardi.

Il maggior esportatore si conferma la Germania, con un saldo positivo di 201 miliardi, seguita dall’Olanda con 57,5 miliardi, e a sorpresa il terzo posto è occupato dall’Italia. L’attivo commerciale del Bel Paese negli scambi con i paesi extra Ue si è attestato a quota 37,1 miliardi di euro nei primi 11 mesi del 2014. Il deficit maggiore, invece, è quello della Gran Bretagna con 121 miliardi, seguita dalla Francia con un disavanzo di 67,5 miliardi e poi la Spagna, 23 miliardi.

Nel bilancio dell’Europa a 28 stati, invece, pesa fortemente il calo dell’interscambio con la Russia, dovuto alle sanzioni scattate in estate. L’export Ue è sceso del 13% a 96 miliardi mentre le importazioni dalla Russia sono calate del 10% a 170 miliardi. Inoltre, sembra che per il mese di gennaio ci sia una crescita ulteriore a quota 23,3 miliardi, con consistente variazione positiva rispetto al dato di dicembre 2014, con grande sorpresa, dato che le stime prevedevano una leggera flessione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.