Erutta il Krakatoa, strage in Indonesia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:02

Come nell'agosto del 1883, il vulcano Krakatoa devasta la Stretto della Sunda compiendo una strage: le autorità indonesiane, al momento, hanno portato ad almeno 222 il bilancio dei morti e 843 feriti, oltre a una trentina di dispersi. Un bilancio catastrofico riferito dal portavoce dell'Agenzia indonesiana per la gestione dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho: lo tsunami ha provocato onde di almeno 20 metri di altezza, abbattutesi sulle spiagge di Giava e Sumatra e provocate da alcune frane sottomarine provocate dall'eruzione di Anak Krakatau (l'isola che emerse dopo la distruzione totale dell'antica Krakatoa provocata proprio dall'eruzione pliniana del 1883). Le zone più colpite, secondo quanto riferito finora, sarebbero le spiagge di Banten, nel distretto di Pandeglang, località molto frequentata dal turismo balneare ma, a quanto sembra, non ci sarebbero persone di nazionalità straniera fra le vittime. Attiva anche l'unità di crisi della Farnesina.

 

#show_tweet#

 

Lo tsunami ha danneggiato centinaia di costruzioni e anche molti alberghi lungo le coste, facendo una strage tra gli impiegati della compagnia statale Pln, riuniti per celebrare la fine dell'anno. Video pubblicati da media locali mostrano l'onda devastante che si abbatte sul palco dove una band rock, i Seventeen, stava suonando per l'evento: il bassista è rimasto ucciso insieme al manager, altri 4 componenti del gruppo risultano tra gli oltre 80 dispersi nella tragedia. Il capo dell'agenzia meteorologica, Rahmat Riyono, ha riferito della possibilità di un altro tsunami proprio perché quello di ieri “è stato provocato da un'eruzione del vulcano Anak-Krakatau. La possibilità di un secondo tsunami in caso di terremoto sono molto basse, ma qui si tratta di un'eruzione. Dobbiamo continuare a monitorare la situazione”, ha detto, sottolineando che proprio per questa ragione non sono scattati allarmi preventivi. Nel frattempo, il presidente indonesiano Joko Widodo ha dato ordine al governo di prendere “immediate misure di risposta all’emergenza, per cercare le vittime e soccorrere i feriti”. L'annuncio è arrivato proprio dal profilo Twitter del leader del Paese, il quale ha espresso le sue “sincere condoglianze” per le vittime del disastro, il bilancio delle quali sarebbe destinato a salire nelle prossime ore.

 

#show_tweet2#

 

 

 

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.