Draghi: “Ecco perché non cresciamo più”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:40

Il rallentamento della produzione di automobili e le dispute commerciali a livello mondiale sono i due fattori che hanno frenato la crescita dell'Eurozona. Ne è convinto Mario Draghi, che al tema ha dedicato una lunga analisi durante un discorso tenuto a Francoforte.

L'intervento

“Nella prima metà del 2018, il clima, le malattie e l'azione industriale hanno influenzato la produzione in diversi Paesi. E nel terzo trimestre abbiamo assistito a un'interruzione significativa della produzione di auto creata dall'introduzione di nuovi standard sulle emissioni dei veicoli il 1 settembre. Ma questo effetto dovrebbe essere temporaneo. A mano a mano che il backlog di test si risolve – ha spiegato – la produzione di automobili dovrebbe tornare alla normalità entro la fine dell'anno e l'effetto dovrebbe dissiparsi”. 

L'altra causa

La seconda fonte di rallentamento, ha proseguito, “è stata la crescita commerciale più debole, che è più ampia. Stiamo assistendo a un rallentamento a lungo termine del commercio mondiale. Alcuni dei fattori che in precedenza hanno guidato la sua rapida espansione, come la liberalizzazione del commercio e la creazione di catene del valore globali, sono diminuiti dopo la crisi finanziaria. Stiamo anche assistendo ad una correzione ciclica della forte crescita commerciale registrata lo scorso anno. Le dinamiche del commercio si stanno normalizzando mentre la crescita globale si ritira verso il potenziale“. Nella misura in cui il commercio mondiale si stabilizza a un livello inferiore, ha spiegato ancora, “la sua resistenza alla crescita potrebbe anche essere temporanea. Ma ci sono due condizioni che potrebbero renderlo più duraturo. La prima è se l'incertezza del commercio aumenta e smorza la performance delle esportazioni dell'area dell'euro, in particolare a causa del protezionismo. L'accordo commerciale preliminare raggiunto tra Stati Uniti, Canada e Messico riduce alcune incertezze, ma permangono altre controversie. Alcuni indicatori suggeriscono che ciò sta alimentando le prospettive commerciali”.

Effetti

Per ora, ha ammesso il presidente dell'Eurotower, “ci sono poche prove tangibili che la moderazione della crescita abbia influito sugli investimenti delle imprese. Ma vi sono alcune prove del fatto che quelle imprese dell'area dell'euro che hanno maggiori probabilità di essere influenzate dalle tariffe proposte hanno ridotto il loro tasso di spesa in conto capitale. Inoltre, il rallentamento delle importazioni ha colpito in particolare i beni capitali e intermedi, il che potrebbe indicare che le imprese stanno ridimensionando le loro decisioni di investimento”. Quindi “dobbiamo monitorare attentamente questi rischi commerciali nei prossimi mesi. Tuttavia, riteniamo ancora che i rischi complessivi per le prospettive di crescita siano ampiamente bilanciati, in gran parte perché permangono i fattori alla base della domanda interna“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.