Caos al Camp Nou, scontri fra indipendentisti e Polizia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 2:53

Non di solo calcio si è tinto il Clàsico di Barcellona, dove la supersfida fra Barça e Real Madrid ha finito per essere solo il corollario a una serata di ben altre dispute: almeno 21 persone sono infatti rimaste ferie nel corso di alcuni scontri verificatisi appena fuori dal Camp Nou tra la polizia, presente con 4 mila agenti per monitorare la situazione in tutta la città, e un numero imprecisato di manifestanti pro-indipendenza. In pratica, nella serata del bif match fra le due regine di Spagna, l'avanzata del fronte indipendentista si è fatta largo, trascinando la serata di sport in una nuova bagarre per le vie della città catalana: cassonetti incendiati, momenti di tensione e azioni contro le Forze dell'ordine hanno caratterizzato il clima del Clàsico già nel pomeriggio, quando i dimostranti di Tsunami Democratic hanno iniziato a radunarsi all'esterno del campo blaugrana, organizzando un sit-in che, in breve, si è trasformato in una accesa protesta.

La giornata

Barcellona torna quindi al centro della scena pubblica e politica, con un territorio che, in strada come su altri terreni, continua a rivendicare la propria autonomia dal governo centrale di Madrid e, ancora una volta, lo fa scendendo in piazza e scatenando il caos per le vie della città, come accaduto nei giorni successivi alle sentenze emesse nei confronti dei leader dell'ex Parlament catalano. Probabilmente, il decorso negativo degli eventi è stato dovuto alla presenza di black-bloc o comunque di altri gruppi infiltrati nei manifestanti che, inizialmente, avevano organizzato una dimostrazione pacifica, sia prima che durante il Clàsico. Le tensioni, al termine di una giornata già di per sé trascorsa sul chi va là, si sono avute proprio mentre la partita era in corso tanto che, al fischio finale, gli addetti alla sicurezza dello stadio hanno invitato i tifosi a utilizzare i cancelli settentrionali per lasciare lo stadio. In piazza, nel frattempo, c'erano già i feriti, trasportati prontamente in ospedale dai soccorritori.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.