Blitz antiterrorismo in Yemen: 14 jihadisti uccisi, morto un soldato americano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:59

Quattordici sospetti affiliati di Al Qaeda sono stati uccisi insieme a 16 civili, tra cui donne e bambini, e a un soldato americano nel corso di una vasta operazione antiterrorismo condotta nello Yemen. Nel blitz, scattato all’alba nel distretto rurale di Yakla, nella provincia di Bayda, sono morti Abdul-Raouf al-Dhahab, Sultan al-Dhahab e Seif al-Nims, tre leader di al Qaeda nel Paese, ma non tutto è andato come previsto. Oltre al soldato americano ucciso, infatti, altri quattro militari Usa sono rimasti feriti, l’esercito ha perso un velivolo – un elicottero, secondo le indiscrezioni dei media – ma soprattutto l’operazione ha provocato un alto numero di vittime civili.

Secondo fonti mediche, tra i 16 civili morti 10 erano donne e tre bambini. Tra questi, ha twittato il direttore del centro di monitoraggio dei siti islamici Site, Rita Katz, c’era anche la figlia di 8 anni di Anwar al-Awlaki, l’imam radicale americano-yemenita ed ex leader qaedista ucciso da un drone Usa nel 2011 sempre in Yemen. Da parte sua, il Comando Centrale statunitense ha sottolineato – quasi a giustificare il blitz – che nell’operazione sono stati trovati documenti che probabilmente “forniranno informazioni su futuri piani terroristici”.

“L’operazione è cominciata all’alba, quando un drone ha bombardato la casa di Abdul-Raouf al-Dhahab e poi sono arrivati gli elicotteri e hanno scaricato i paracadutisti vicino alla casa, che hanno ucciso tutti coloro che si trovavano al suo interno”, ha detto un residente che ha voluto mantenere l’anonimato. Poi, ha proseguito, “i miliziani hanno aperto il fuoco contro i soldati americani che hanno lasciato la zona e gli elicotteri hanno bombardato i combattenti e alcune case, provocando un gran numero di vittime”.

Un funzionario della sicurezza yemenita, scrive il Guardian, ha confermato questo resoconto e un funzionario provinciale – secondo la Bbc online – ha aggiunto che gli elicotteri hanno preso di mira anche un ospedale, una scuola e una moschea. Lo scontro a fuoco tra i militari americani ed i combattenti locali nel quale è rimasto ucciso il soldato Usa è durato circa 45 minuti, scrive la Bbc online. Durante lo scontro sono stati feriti anche tre soldati, mentre un quarto è rimasto ferito in seguito ad un atterraggio di emergenza che uno degli elicotteri è stato costretto a fare poco lontano dal luogo dell’attacco: il velivolo, probabilmente colpito dal fuoco nemico, è stato “distrutto intenzionalmente sul posto” dai militari Usa, ha spiegato il Comando Centrale Usa. Quella di oggi è stata la prima operazione da parte degli Stati Uniti in Yemen dal dicembre del 2014, ovvero prima dell’inizio della guerra civile che ha permesso ad al Qaeda di espandersi nel Paese.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.