Barriera di Ceuta: assalti cresciuti del 34%

ULTIMO AGGIORNAMENTO 4:00

Dall'inizio del 2017 sono stati 26 i tentativi di assalto alla barriera di Ceuta, enclave spagnola in territorio marocchino, spesso presa di mira dai migranti che vogliono entrare in Europa.  Le condizioni meteorologiche favorevoli alla fine dell'anno e le retate compiute dalla Gendarmeria marocchina intorno alle frontiere di Ceuta e Melilla spiegherebbero in parte l'aumento dei migranti giunti via mare nelle due città autonome spagnole, con picchi fino a 600 persone in alcuni fine settimana.

Tentativi

I tentativi di scavalcare la doppia barriera di protezione frontaliera delle due enclavi hanno registrato un incremento del 34%, con 9 mila migranti passati complessivamente, allo scorso mese di settembre, rispetto ai 613 dello stesso periodo dello scorso anno, secondo i dati diffusi dal ministero spagnolo degli Interni. L'aumento della pressione migratoria si è registrato a partire dal 1 gennaio 2017, quando approfittando dell'arrivo del nuovo anno, circa 1.100 migranti tentarono di accedere al perimetro frontaliero che separa Ceuta dal Marocco. Seguito, il 17 e il 20 febbraio, da due successivi assalti, rispettivamente mossi da circa 750 e 600 persone di origini subsahariane, che si sono conclusi con il passaggio di un totale di 854 migranti in territorio spagnolo, provocando il collasso del Centro di soggiorno temporaneo di immigrati di Ceuta (Ceti).

Controlli

Un cambio nella modalità di scavalcamento della frontiera si è registrato il 7 agosto scorso, quando 187 persone riuscirono a passare attraverso il varco frontaliero del Tarajal correndo in massa a piedi, per neutralizzare i controlli di polizia. La “valanga” provocò la chiusura temporanea del varco anche al passaggio di ambulanti e merci marocchini e la denuncia di Ong come Amnesty International, per l'azione di contrasto della polizia frontaliera, “a base di calci e colpi di manganelli” contro gli assaltanti. Da allora, al perimetro frontaliero è stata rafforzata la vigilanza, con il supporto anche di un elicottero che pattuglia durante le ore notturne la frontiera di Ceuta, come azione dissuasoria per eventuali assalti. Da agosto, solo 14 migranti sono riusciti a scavalcare la barriera terrestre, per cui sono aumentati gli arrivi mediante imbarcazioni via mare.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.