TORNA A CASA IL PENDOLO DI FOUCAULT

ULTIMO AGGIORNAMENTO 4:30

Dopo due anni, ritorna sotto la cupola del Pantheon di Parigi, il pendolo di Foucault, uno strumento creato dal francese Leon Foucault (1819-1868) per dimostrare la rotazione della terra. Fu proprio li, dove sono sepolti i grandi personaggi che della Francia, che nel 1851 lo scienziato fece il suo esperimento pubblico. La lenta rotazione del pendolo, sospeso a 67 metri di altezza, dimostrò che la terra ruota su se stessa.Davanti ad un pubblico che rimase a bocca aperta, il fisico dimostrò le tesi di Galileo Galilei.

La sfera di ottone di 28 chili legata ad un sottile filo metallico è stata riposizionata ed è di nuovo libera di oscillare. In realtà, quella sistemata al Pantheon è solo una copia dell’originale, che al momento è custodito al Musée des Art et Metiers. “E’ un lavoro molto minuzioso, da orologiaio”, dice alla stampa francese Delphine Christophe, responsabile del Pantheon parigino. Ai tre operai specializzati inviati sul posto sono servite ben quattro ore per far ripartire l’esperimento, che in molti considerano uno dei più popolari e spettacolari di tutti i tempi. Dopo essere stata sistemata nella posizione originale, la sfera appuntita ha effettuato, come due secoli fa, per sei lunghe ore, una serie di oscillazioni ogni 16.5 secondi, lasciando al suolo un’impronta circolare. Una dimostrazione di meccanica celeste altrettanto semplice quanto spettacolare.

“Tutto è calcolato nei minimi dettagli. Le angolazioni, i punti di fissaggio, la tensione della corda, alla fine tutto si è messo naturalmente in marcia. E’ commovente”, commenta Jacques Burel, responsabile dell’operazione, aggiungendo: “Chissà se Foucault si sarebbe immaginato un solo istante che avremmo lavorato nuovamente sulla sua invenzione 160 anni più tardi”. Il ritorno nel suo luogo d’origine segna la fine della prima fase dei lunghi restauri del Pantheon per la stabilizzazione delle strutture e la risistemazione dei tetti. Un cantiere da 19 milioni di euro che è durato due anni, ma che non si è ancora del tutto concluso. Dopo il restauro della cupola, infatti, i lavori dovrebbero durare per altri otto, per un costo complessivo di 100 milioni di euro.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.