LADY GAGA PUBBLICA SU YOUTUBE “TIL IT HAPPENS TO YOU”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 4:30

Ha fatto la sua comparsa su YouTube il videoclip ufficiale di “Til it happens to you”, canzone composta da Lady Gaga e Diane Warren come colonna sonora del documentario “The hunting ground” che tratta delle violenze sessuali nei college statunitensi (la pellicola, diretta da Kirby Dick, è stata presentata lo scorso mese di gennaio al Sundance Film festival). La stessa popstar interpreta un ruolo centrale nel film. Il video, scritto e diretto da Catherine Hardwicke, è esplicitamente “graphic”, come dicono gli anglosassoni, e descrittivo: più che il promo di una canzone è, com’è giusto, la spiegazione di un testo: “Finché non capita a te”.

La cantante, presentando il video, ha scritto su Twitter: “Io e Diane Warren abbiamo scritto “Til it happens to you” per tutte quelle persone che hanno fatto esperienze di vita dolorose. Speriamo di trasmettervi il nostro amore e la nostra solidarietà attraverso la canzone e che possiate trovare un po’ di pace nel sapere che non siete sole”.

Quello della violenza sessuale nei campus degli Usa è un problema molto serio. Una recentissima statistica ha rivelato che una ragazza su cinque può riferire di episodi di molestie o violenze sessuali avvenuti a suo danno negli alloggi universitari. Prodotta e arrangiata da Gaga, “Til it happens to you”, essendo stato pubblicato  prima del 30 settembre, il brano può permettere alla voce di “Born this way” di concorrere agli Oscar 2016 nella categoria “Original song” (“Canzone originale” – bisogna ricordare che l’autrice, Diane Warren, nel corso della sua carriera ha ricevuto ben sette nomination agli Oscar), e anche ai prossimi Grammy Awards.

Gaga, in altre parole, potrebbe tornare a vestire i panni di protagonista dell’importante cerimonia ad un anno di distanza dall’apprezzato medley che l’ha vista nell’omaggio del musical “Tutti insieme appassionatamente” in qualità di ospite speciale della scorsa edizione di consegna degli Oscar. Questo però lo scopriremo solamente il prossimo mese di gennaio, quando verranno svelate le nomination del 2016.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.