Street Art per Amatrice

ULTIMO AGGIORNAMENTO 4:22

Oggi lunedì 6 novembre il locale Agm (Any Given Monday) ospiterà “Street Art per Amatrice 2017” un modello innovativo di valorizzazione turistica e rilancio socio-economico dedicato al Comune di Amatrice, ideato dallo street artist Mauro Sgarbi e curato dalla storica dell'arte Simona Capodimonti. All'interno della serata verranno raccolti fondi per portare sostegno alla popolazione del comune laziale, una delle zone più colpite del recente terremoto. Gli artisti che interverranno duramente la serata, saranno poi ospiti della comunità cittadina, per contribuire con le loro opere e il loro lavoro ad abbellire e decorare gli spazi salvati o ricostruiti. 

La serata

Guest star della serata sarà Dj Baro direttamente dalla storica formazione Colle Der Fomento, che con le sue sonorità urban accompagnerà il lavoro di uno dei cinque artisti che hanno aderito a “Street Art X Amatrice”: Betroot, Giusy Guerriero, Moby Dick, Maupal e Mauro Sgarbi. 

La serata che vede anche la partnership del Progetto Roma 3 dell’Università degli Studi Roma Tre, prevede anche l’esibizione dei resident AGM come Discount, Caimano e Barbetz che scalderanno la dancefloor con le loro selezioni indie-electro-rock e tropical bass. Appuntamento lunedì 6 novembre dalle 23 alle 5, Piazzale dello stadio olimpico, 8 Roma.

Mauro Sgarbi

Nato in Malaysia nel 1972 in una famiglia di artisti italo/francese, Mauro Sgarbi ha sposato un tipo di grafismo surrealista e visionario su murales, ma anche usando pennelli e computer grafica. Ha esposto in diverse gallerie, tra cui il Maam – Museo dell’altro e dell’altrove Metropoliz di Roma, Epireo (Roma)  e La Pigna galleria vaticana.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.