IL MAXXI DI ROMA “APERTO PER FERIE”: ANCHE A FERRAGOSTO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 4:45

Il Maxxi di Roma non chiude per ferie, anzi resta aperto anche a Ferragosto. Tante le offerte culturali dell’importante spazio museale capitolino: dai neon fluorescenti di Maurizio Nannucci, ai paesaggi e le città del mondo nelle foto di Olivo Barbieri, fino alla dimensione sociale del cibo in “Food dal cucchiaio al mondo”, passando per l’installazione “Great Land” del gruppo Corte nella piazza, un’oasi di verde che ospita Yap Fest 2015. Tra gli eventi del museo, tutti a ingresso libero, sei mostre, a partire dall’universo di luci, forme, scritture e suoni di “Where to start from”, la retrospettiva che ripercorre i lavori di Maurizio Nannucci dagli anni Sessanta a oggi. “Olivo Barbieri. Immagini 1978-2014” include, invece, oltre 100 opere di uno dei più significativi autori della fotografia italiana contemporanea, dalla fine degli anni Settanta a oggi.

Sono monumenti agli scomparsi quelli di “Good Luck” di Lara Favaretto, mentre Maurizio Sacripanti mostra disegni, fotografie e documenti del suo progetto per Expo in “Expo Osaka ‘70”. “Food. Dal Cucchiaio al Mondo” racconta il cibo attraverso le opere di artisti, architetti e designer. “Yap Maxxi 2015” espone i modelli dei progetti finalisti dell’edizione italiana a sostegno della giovane architettura. A settembre Yap Fest 2015 propone appuntamenti di musica, cinema, teatro, letteratura, multiculturalità tra cui due serate dedicate rispettivamente a India (4 settembre) e Argentina (12 settembre), il reading di Vinicio Marchioni dedicato a Dino Campana (16 settembre) e tre incontri con tre vincitori del Premio Strega: Edoardo Nesi (25 settembre), Domenico Starnone (30 settembre), e Nicola Lagioia (7 ottobre).

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.