A Berlino una mostra dedicata a Pasolini e Roma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:17

[cml_media_alt id='4011']Pasolini[/cml_media_alt]Il Martin Gropius Bau di Berlino ospita l’ultima tappa della mostra “Pasolini Roma”. Dopo Barcellona e Parigi anche la capitale tedesca celebrerà con un progetto innovativo la figura di Pasolini, l’intellettuale del XX secolo che più di ogni altro è riuscito a reinterpretare l’immagine della Capitale, incarnandola in chiave poetica.

L’esposizione, organizzata in collaborazione con l’Istituto italiano di cultura, sarà divisa cronologicamente in sei sezioni, dall’arrivo dello scrittore a Roma nel 1950 fino alla notte della sua tragica morte a Ostia nel novembre del 1975. Di tappa in tappa si ritroverà il filo conduttore che permetterà di tracciare il percorso della sua incredibile vitalità creativa: i luoghi in cui ha vissuto, in cui ha ambientato romanzi e film, la poesia, il cinema, gli amici, gli amori, le persecuzioni, le lotte e gli impegni nella città. I disegni e dipinti di Pasolini, i suoi autoritratti, ma anche la galleria ideale dei pittori contemporanei da lui descritti con precisione in una poesia: Morandi, Mafai, De Pisis, Rosai, Guttuso.

Ninetto Davoli, unito da un sodalizio umano e professionale con Pasolini, oggi all’inaugurazione della mostra si è espresso sull’assassinio del regista, quella mattina del 2 novembre 1975: “Si è detto che sia stata la politica o il potere. Io non lo credo. Credo solamente che Pier Paolo abbia avuto una notte sbagliata, una notte sfortunata”, rievocando l’enorme “umanità e dolcezza” dell'”amico con cui giocavo a pallone”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.