Nuovo caso di malasanità al San Giovanni Bosco

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:34

L'

ospedale San Giovanni Bosco di Napoli di nuovo nel mirino, a causa della presenza di formiche. L'ultimo episodio ieri, domenica 13 gennaio, nel reparto di Chirurgia delle donne. “Alcuni reparti sarebbero a rischio chiusura”. Lo afferma in una nota Mario Forlenza, direttore generale dell'Asl Na1.

Forlenza afferma di aver “acquisito una prima relazione sulle iniziative della commissione d'accesso e indagine sul fenomeno della presenza di formiche” e di ritenere “la situazione grottesca e non più tollerabile”. Per questo ha “convocato – spiega – per mercoledì 16 gennaio alle ore 9 nella Direzione Sanitaria del San Giovanni Bosco l'intera Commissione d'indagine unitamente ai Direttori Sanitari di Presidio e Aziendale nonché al Direttore Dipartimento Ospedaliero Aziendale per fare il punto della situazione non escludendo l'ipotesi della necessità della riduzione della attività ospedaliera con chiusura parziale o totale di interi reparti con trasferimento dei pazienti in altre strutture ospedaliere per consentire una totale e definitiva bonifica“.

I fatti

Una prima ispezione era stata infatti effettuata dai carabinieri del Nas (Nucleo antisofisticazioni e sanità) lo scorso ottobre, dopo la diffusione di un video, in cui si vedeva un’anziana paziente intubata sommersa dalla formiche.

La denuncia era stata diffusa da Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale campano e componente della Commissione Sanità del Consiglio regionale della Campania, che sulla sua pagina Facebook aveva pubblicato un video ricevuto da alcuni cittadini. Dopo la denuncia, il direttore sanitario Giuseppe Matarazzo aveva chiuso la stanza del reparto di medicina del San Giovanni Bosco per la bonifica e la pulizia

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.