Maxi rissa davanti al McDonald: 30 ragazzi coinvolti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:47

Una maxi rissa è scoppiata a Milano, all'esterno del McDonald's di piazza del Duomo, nel tardo pomeriggio di ieri, venerdì 15 novembre. Stando alle segnalazioni arrivate al numero di emergenza 112 fatte da alcuni passanti, le persone coivolte sarebebro circa una trentina, tutti giovani di origine nordafricana che si sarebbero affrontati prima con gli insulti e gli spintoni, poi lanciandosi bottiglie e sedie prese dal McDonald's dal lato di piazza dei Mercanti, dove il locale ha una uscita secondaria.

I fermi

Sul posto sono intervenuti, intorno alle sei e venti, i carabinieri della Compagnia Duomo. I militari, giunti in piazza, hanno cercato i partecipanti alla scazzottata, riuscendo a individuarne e identificarne tre: si tratta di un 18enne e due 17enni, tutti di origine tunisina. I fermati, che sono stati poi denunciati per rissa, sono stati accompagnati dai sanitari del 118 al pronto soccorso del Fatebenefratelli in codice verde. Il più serio – scrive milanotoday.it – è il maggiorenne, dimesso con otto giorni di prognosi per una ferita alla “regione parietale destra”. 

Il precedente a Halloween

Le risse non sono infrequesti nel capoluogo lombardo. La notte di Halloween, sempre a Milano, due ragazzi di 29 e 36 anni sono rimasti gravemente feriti durante una violentissima rissa scoppiata in via Viruvio, poco lontano dalla Stazione Centrale. I due sono stati accoltellati numerose volte anche se non sarebbero in pericolo di vita. Il più giovane – un cittadino iracheno con i documenti in regola e noto alle forze dell'ordine – è stato il primo ad essere soccorso in via Alessandro Tadino, alle 20.42. È stato accoltellato quattro volte. Era cosciente e ai carabinieri del Radiomobile aveva riferito di aver discusso con altri connazionali. Più grave l'amico, un 36enne anch'esso iracheno, colpito con diverse coltellate al torace e poi trasportato in codice rosso al Niguarda. 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.