Coronavirus in Italia. Oggi + 481 positivi

I guariti nelle ultime 24 ore sono 236. Aumenta di 4 il numero dei pazienti ricoverati in terapia intensiva.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:12
Fonte: Ministero della Salute

Sale di 10 il numero dei decessi, per un totale di 35.225. Il numero dei positivi dall’inizio della pandemia registra un incremento pari a 481 casi in 24 ore. Le persone complessivamente risultate positive sono 251.713. I guariti nelle ultime 24 ore sono 236, mentre in totale sono 202.697. 53 è il numero dei pazienti ricoverati in terapia intensiva, ovvero 4 in più rispetto all’11.08. La quota dei ricoverati con sintomi è pari a 779 (-22 rispetto a ieri). Sono, invece, 12.959 i pazienti in isolamento domiciliare (+248). I tamponi effettuati sono al momento 7.369.576, con un aumento di 52.658 rispetto a ieri. I casi testati sono finora 4.357.027, al netto dei tamponi fatti.

I dati regionali

I positivi sono:

5.521 in Lombardia
855 in Piemonte
1.807 in Emilia-Romagna
1.333 in Veneto
563 in Toscana
227 in Liguria
1.121 nel Lazio
167 nelle Marche
424 in Campania
68 nella Provincia autonoma di Trento
262 in Puglia
562 in Sicilia
221 in Abruzzo
164 in Friuli Venezia Giulia
130 nella Provincia autonoma di Bolzano
57 in Umbria
83 in Sardegna
110 in Calabria
15 in Valle d’Aosta
29 in Molise
72 in Basilicata

Le vittime registrate sono:

16.833 in Lombardia
4.138 in Piemonte (+2)
4.298 in Emilia-Romagna
2.092 in Veneto (+7)
1.137 in Toscana
1.569 in Liguria
868 nel Lazio (+1)
987 nelle Marche
440 in Campania
405 nella Provincia autonoma di Trento
554 in Puglia
284 in Sicilia
472 in Abruzzo
348 in Friuli Venezia Giulia
292 nella Provincia autonoma di Bolzano
80 in Umbria
134 in Sardegna
97 in Calabria
146 in Valle d’Aosta
23 in Molise
28 in Basilicata

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.