Coronavirus, complessivamente i morti salgono a 34.716

Scendono sotto i cento i ricoverati in terapia intensiva per Coronavirus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:10

Trend in calo sia per numero di contagi di coronavirus sia per numero di morti in Italia oggi. Sono 175 i nuovi casi odierni di contagiati, in calo rispetto a ieri quando erano stati 259. Il numero totale dei casi sale così a 240.136. Tra le regioni, sempre in testa la Lombardia, con un 77 nuovi casi che corrispondono al 44% del totale, seguita dall’Emilia Romagna, che fa segnare 44 casi in più. Al terzo posto il Piemonte dove il numeri dei contagi cresce di 11 unità, con 10 casi asintomatici. Sono 140 i nuovi guariti e ci sono 1265 pazienti considerati in via di guarigione. Tre i decessi comunicati oggi dall’Unità di crisi della Regione, di cui nessuno finora nella giornata odierna. Il numero complessivo delle vittime regionali sale a 4.080.

Morti in calo

In Italia, prosegue il trend discendente per le vittime: 8 in più, mentre ieri erano state 30. I decessi sono stati registrati in Lombardia (2), Lazio (1), Piemonte (3), Liguria (1) e Umbria (1). Gli 8 morti di oggi rappresentano il dato più basso dal primo marzo, quando le vittime in 24 ore furono 5. In 15 regioni non sono state rilevate vittime. Complessivamente, i morti sono 34.716. L’Italia è il quarto Paese al mondo con più vittime, come si evince dai dati odierni sulla diffusione del coronavirus nel mondo.

Ricoverati

Scendono sotto i cento i ricoverati in terapia intensiva per Coronavirus: sono 97, 8 (RPT: 8) in meno di ieri. Quasi la metà (43) – scrive Ansa – sono in Lombardia; seguono Lazio (13), Piemonte (12) e Emilia Romagna (RPT: Emilia Romagna) (11). In isolamento domiciliare si trovano attualmente 15.479 (RPT: 15.479) pazienti, mentre 1.260 sono ricoverati con sintomi. Le persone attualmente positive al Covid sono 16.836 (ieri erano 17.638).

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.