#Carbonaraday: oggi si celebra la pasta più amata dagli italiani. Ma qual è la vera ricetta?

#Carbonarahomemade, il nuovo hashtag creato per l'edizione 2020 dell'evento. I social invasi da fotografie di piatti di pasta alla carbonara

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:32

Guanciale o pancetta? Pecorino o parmigiano? Con la panna o senza? Sono questi i temi che animano le discussioni più accese quando si parla di pasta alla carbonara. Questo prelibato piatto è nato a Roma e la sua ricetta originale prevede spaghetti, uova, guanciale, pecorino e pepe nero.

Il #carbonaraday

Anche quest’anno, come ogni sei aprile da ormai quattro anni, si festeggia la succulenta ricetta di origini romane. Nell’edizione del 2020, L’Ipo (Internationa Pasta Organization) e Unione Italiana Food, attraverso la campagna “WeLovePasta” hanno invitato – quanti vorranno – a connettersi dalle proprie cucine e postare il proprio piatto di carbonara, accompagnato dall’hashtag #carbonaraday e da un nuovo hashtag appositamente creato per l’edizione 2020 #carbonarahomemade.

Le origini della ricetta

Ma dove nasce la ricetta della pasta alla Carbonara? Come riporta tgcom24.mediaset.it, sono molte le ipotesi, che però non sono mai state verificate: alcuni dicono che si mangiasse durante le riunioni dei congiurati iscritti alla carboneria; altri affermano che l’abbia inventata un cuoco di Carbonia che lavorava a Roma; altri ancora, che fosse il pranzo tipico dei carbonai dell’Appennino, mentre un’altra ipotesi sostiene che deve il suo nome alla pioggia di pepe che copre la pasta come polvere di carbone.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.