L'evoluzione rende l'uomo più incline all'ansia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Icambiamenti evolutivi del cervello umano rendono le persone più inclini all'ansia. È il risultato di uno studio condotto dall'università giapponese Tohoku pubblicato sulla rivista scientifica Bmc Evolutionary Biology. Per arrivare a queste conclusioni gli studiosi hanno ricostruito il ruolo delle proteine ancestrali Vmat1, e hanno rilevato cambiamenti nell'assorbimento dei neurotrasmettitori proprio nel corso dell'evoluzione.

Ansia

I corpi umani – spiega Ansa – sono costituiti da milioni di cellule. Ogni individuo contiene un insieme specifico di istruzioni di codici, i genomi, che compongono tutto il materiale genetico di un essere vivente. Già in precedenti studi i ricercatori giapponesi avevano scoperto come alcuni geni Vmat1 si erano evoluti nel corso del tempo. Una nuova loro variante riduce infatti l'assorbimento dei neurotrasmettitori ed è associato a una maggiore depressione o a una più elevata ansia. In questo studio, lavorando anche grazie a un substrato fluorescente per visualizzare e quantificare l'assorbimento del neurotrasmettitore di ciascun genotipo, è stato notato come la proteina ancestrale ha avuto un aumentato assorbimento di neurotrasmettitori rispetto a un genotipo attuale che ne è derivato e che è legato alla depressione delle generazioni moderne. “Questi risultati del nostro studio rivelano che i nostri antenati potrebbero essere stati in grado di resistere a livelli più elevati di ansia o depressione”, spiegano gli autori della ricerca. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.