Clima, Onu conferma: “Toccata nuova temperatura record nell’Artide”

ONU: "Questo nuovo record di temperatura dell'Artide rappresenta un campanello d'allarme per il clima che cambia"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:12

L’Organizzazione Meteorologica Mondiale (WMO) dell’Onu ha certificato oggi una nuova temperatura massima nell’Artide confermando il record di 38 gradi Celsius registrato l’anno scorso in Siberia.

Artico surriscaldato?

L’Artico è tra le regioni con il riscaldamento più rapido al mondo e si sta riscaldando più del doppio della media globale. La temperatura estrema e il cambiamento climatico in corso hanno spinto un gruppo di esperti dell’OMM ad aggiungere una nuova categoria climatica “temperatura più alta registrata al nord di 66,5, il circolo polare artico” al suo archivio internazionale di condizioni meteorologiche e climatiche estreme.

Temperature mediterranee

La temperatura registrata oggi, più consona al Mediterraneo che all’Artico, è stata misurata in una stazione di osservazione meteorologica durante un’eccezionale e prolungata ondata di caldo siberiano. Le temperature medie sulla Siberia artica hanno raggiunto i 10 °C al di sopra della norma per gran parte dell’estate dello scorso anno, alimentando incendi devastanti, causando una massiccia perdita di ghiaccio marino e giocando un ruolo importante nel 2020, essendo uno dei tre anni più caldi mai registrati, scrive WMO.

“Questo nuovo record dell’Artide fa parte di una serie di osservazioni comunicate all’Archivio WMO delle Condizioni Meteorologiche e Climatiche Estreme che rappresentano un campanello d’allarme per il nostro clima che cambia”, ha commentato in un comunicato il capo dell’agenzia delle Nazioni Unite, Petteri Taalas.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.