Clima: in Svizzera per il caldo si è sciolto un ghiacciaio di settemila anni

Il caldo estremo di questa estate ha avuto un forte impatto sui ghiacciai svizzeri, incluso quello del Corvatsch, nella Svizzera sudorientale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:32
Il ghiacciaio Corvatsch

Il caldo estremo di questa estate ha avuto un forte impatto sui ghiacciai svizzeri, incluso quello del Corvatsch, nella Svizzera sudorientale, dove si sono sciolti strati di ghiaccio datati circa 7000 anni fa. Lo riporta la Dpa citando il glaciologo Matthias Huss.

Il ghiacciaio Corvatsch

Il Piz Corvatsch (3.451 m s.l.m.) è una montagna del Massiccio del Bernina nelle Alpi Retiche occidentali. Si trova nello svizzero Canton Grigioni. Una funivia parte da Silvaplana ed arriva appena sotto il Piz Murtel (3.304 m), anticima del Piz Corvatsch.

“Quello che stiamo vedendo è peggio di qualsiasi cosa pensassimo possibile prima”, ha detto Huss all’agenzia di stampa tedesca. Con lo scioglimento dei ghiacci, anche il paesaggio è cambiato radicalmente, continua Huss.

Notizie drammatiche dall’Austria. In Tirolo, ad esempio, un ghiacciaio che da decenni è sotto stretta osservazione scientifica si sta sciogliendo più velocemente di quanto prospettato.

La Carovana dei Ghiacciai

Legambiente – in occasione della terza edizione di “Carovana dei Ghiacci”, il monitoraggio itinerante promosso dalla associazione ambientalista nell’ambito della campagna “ChangeClimateChange”, con la partnership scientifica del Comitato Glaciologico italiano – denuncia “la drammatica regressione dei ghiacciai a causa della crisi climatica“.

ghiacciai alpini – evidenzia lo studio – si riducono a un “ritmo inimmaginabile, più di 200 sono già scomparsi da fine Ottocento, lasciando il posto a detriti e rocce. Il tutto a causa del riscaldamento globale. Non c’è più tempo per le nostre montagne, che ci lanciano un sos forte e chiaro”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.