Cosa vogliamo per la politica?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:00

Un’altra indagine contro la Lega, questa volta da parte della Procura di Bergamo. L’indagine sarebbe mossa rispetto ai contributi che un'impresa avrebbe erogato per l’ultima campagna elettorale. Già i media si agitano e così gli oppositori, nell’accusare Salvini e il suo partito. Ma a ben vedere, e a prescindere dai partiti coinvolti di tanto in tanto, la vicenda politica italiana diventa sempre più incomprensibile. Sono pressoché quasi eliminati i finanziamenti pubblici, eppure si ritiene giustamente che la politica debba essere autorevole e autonoma. Ma muovere la macchina della politica, in ogni caso costa. Allora o paga il contribuente o pagano le imprese alla luce del sole. Perseguire nei fatti ogni modo di sostenere l’attività politica, o ci spingerà nella condizione che a farla sarà solo chi ha tanti soldi o chi non ha nulla da perdere, perché non ha alcun mestiere. Credo che qualche esperienza del genere già è in atto.  

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.