Il viaggio non è più un privilegio. L’iniziativa gratuita di una startup solidale

Live tour gratis per chi ha problemi di salute o economici e non può permettersi di scoprire il mondo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Trento

Il viaggio non è più un privilegio. Grazie ad un’iniziativa gratuita. Rivolta a ospiti delle residenze sanitarie assistenziali (Rsa). E a persone con disabilità o in difficoltà economiche. A promuoverla è una startup solidale. Miravilius permette a chiunque di viaggiare in modo virtuale. Senza spostarsi da casa. E ha scelto di realizzare dei “live tour dedicati“. Pensati per chi ha problemi di salute o economici e non può permettersi di scoprire il mondo.viaggio

Il senso del viaggio

“Fin dal principio, il nostro obiettivo è stato quello di supportare il turismo. Cioè un settore fermo ormai da troppo tempo- spiega Massimiliano La Rocca, fondatore di Miravilius-. Il nostro progetto intende far lavorare il più possibile le guide turistiche. Sia quelle italiane. Sia quelle basate all’estero. Soprattutto nelle località che vivono di turismo internazionale. Vogliamo tenere alto l’interesse e la curiosità nei confronti dei luoghi ancora da scoprire. Cioè quelli che abbiamo la fortuna di avere sul nostro pianeta. Ci riempie di orgoglio sapere che stiamo dando questa possibilità a persone che vivono in situazioni particolari“.

Operatori

Da marzo 2021 le guide turistiche entrate a far parte della community di Miravilius sono cresciute del 200%. A conferma dell’interesse che il progetto riscuote anche tra gli operatori del settore. “Far viaggiare gli over 80? Con Miravilius si può- aggiunge La Rocca-. Sappiamo quanto i nostri anziani e le Rsa siano stati colpiti dalla pandemia. Ed è proprio a loro che si indirizzano le principali iniziative di responsabilità sociale d’impresa della nostra startup”.

Casa Sacro Cuore

Tutto ciò è reso possibile, da esempio, dalle collaborazione con le Rsa. Come la Casa Sacro Cuore di Pianello del Lario. Dove la Congregazione delle Suore Guanelliane assiste gli anziani. 25 ospiti “over 80” della struttura sono stati in grado di vivere la magia di un viaggio virtuale a Parigi. Con tanto di collegamento a sorpresa della nipote di una delle ospiti che vive nella Ville Lumière. L’esperienza è stata un successo. E gli anziani viaggiatori virtuali non vedono l’ora di partire per un nuovo tour. Prossima tappa Assisi.viaggio

Live tour gratis

Ad oggi, tra le realtà che hanno partecipato all’iniziativa, rientrano case di riposo e organizzazioni no profit italiane e straniere. Ogni Live Tour è organizzato e gestito da una guida turistica certificata che Miravilius sceglie all’interno della propria community. Fino ad ora gli utenti hanno viaggiato in Cina. In Europa. Negli Stati Uniti. E anche in Italia. Far viaggiare (virtualmente) anche chi non può. Ecco la nuova iniziativa di Miravilius. Dopo il successo riscosso nei primi mesi di lancio, prosegue il piano solidale. La startup, tramite tour virtuali, guida le persone alla scoperta delle città di tutto il mondo. E ora presenta nuovi progetti ad impatto sociale. Grazie ai vaccini e al green pass, piano piano si torna finalmente a viaggiare. Chi in Italia. Chi all’estero, l’importante è scoprire luoghi nuovi. Dunque viaggiare è tornato fattibile per molte persone. Ma rimane una vasta fetta di popolazione che non ha la possibilità di spostarsi liberamente.viaggio

Sfida del viaggio

La sfida è dare la possibilità anche a chi per motivi di salute, di età o per difficoltà economiche non può visitare città e luoghi distanti. Miravilius dà la possibilità di viaggiare virtualmente. E scoprire destinazioni ancora sconosciute. Rimanendo comodamente seduti da casa. E’ annunciata la nascita di nuove collaborazioni con realtà non profit nazionali e internazionali. L’obiettivo è rendere l’esperienza del viaggio accessibile a tutti.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.