Veneto, nasce il brand del design sociale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:32

Riconoscere e valorizzare il potenziale di ogni indivduo. E' questo l'obiettivo di SocialArt, il brand dei prodotti artigianali realizzati da persone adulte con disabilità. Si tratta del primo marchio in Italia – nato dalla partnership fra Elmo & Montegrappa Spa e cooperative sociali del Nord-Est – che promuove l'inclusione sociale delle persone affette da disabilità attraverso il design e l'artigianalità. 

Il progetto

SocialArt coivolge direttamente nella produzione, confezionamento e distribuzuione circa 70 persone adulte con disabilità o fragilità psichica e circa 30 operatori provenienti dalle sei cooperative coinvolte. Come è possibile leggere sul sito socialartdesign.it, il motto dell'azienda è “fare con e non per la persona“. In questo modo il lavoro viene trasformato in uno strumento terapeutico e riabilitativo per le persone che sono coinvolte. 

La presentazione

Il nuovo marchio Social Art contraddistinguerà i prodotti delle cooperative: Il Nuovo Ponte (Vicenza); La Goccia (Marostica e Bassano del Grappa VI); L’Eco Papa Giovanni XXIII (Carmignano di Brenta PD e Dueville VI); Mobydick (Arzignano VI); Piano Infinito (Montecchio Maggiore VI); Verlata (Villaverla VI). Venerdì 17 novembre 2017 alle ore 18.00 a Bassano del Grappa (VI) in Piazza Garibaldi, verrà presentata la collaborazione fra SocialArt e Elmo & Montegrappa Spa, azienda che fin dal 1912 rappresenta l’eccellenza del Made in Italy nelle creazioni di penne esclusive. Nella sua boutique saranno esposti i prodotti della collezione Different Design (DD), la prima del marchio SocialArt. La Comunità Papa Giovanni XXIII promuove il marchio SocialArt con il lavoro dei ragazzi accolti nei centri diurni per disabili delle provincie di Padova e Vicenza.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.