Le mamme italiane? Sono le più anziane in Europa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:52

Le mamme italiane? Sono le più anziane d'Europa. E' quanto emerge dai dati di un'indagine condotta dall'Eurostat, l'ufficio statistico dell'Unione europea, sulle nascite per il 2017.

Alcuni dati

In base alla fotografia scattata dall'Eurosta, l'Italia si conferma tra i fanalini di coda europei per tasso di fecondità più basso, oltre ad avere in media le mamme più vecchie d'Europa e una delle quote maggiori di quelle con il primo filgio dopo i 40 anni. Le teeneger italiane sono anche quelle che registrano uno dei numeri minori di gravidanze sotto i 20 anni. Le donne italiane dono terz'ultime per il numero di figli a testa (1,32) a pari merito con le cipriote. Peggio solo le maltesi (1,26 nascite per donna) e le spagnole (1,31). A precedere l'Italia le greche (1,35), le portoghesi (1,38) e le lussemburghesi (1,39). La Francia si conferma invece essere il Paese più fecondo, con quasi 2 figli per donna (1,90), seguita da Svezia (1,78), Irlanda (1,77), Danimarca (1,75) e Gran Bretagna (1,74). L'Italia è anche il Paese record per le mamme che patoriscono il loro primogenito più tardi, in media a 31,1 anni, a cui seguono Spagna (30,9), Lussemburgo (30,8), Grecia (30,4) e Irlanda (30,3). 

Mamme per la prima volta a 40 anni

Le donne del Belpaese, inoltre, salgono sul podio anche in un altro “campo”: sono le più numerose in Europa (7,3%), precedute solo dalle spagnole (7,4%), per essere diventate mamme per la prima volta a 40 e più anni. le adolescenti italiane (sotto i 20 anni), invece, sono quelle che hanno tra il minor numero di gravidanze (1,6% di nascite) rispetto alle coetanee europee, insieme alle slovene e precedute solo dalle danesi (1,5%). Nel complesso, in Europa, nel 2017 sono state registrate 5,075 milioni di nascite, in calo rispetto ai 5,148 milioni del 2016. Di queste, il 45 per cento riguardano il primo figlio, il 36 per cento il secondo e il 19 per cento il terzo o ulteriore. 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.