Internet: in aumento gli abusi in rete verso i minori

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:37

Internet resta un mondo pericoloso per i bambini e gli adolescenti. Sono in aumento gli abusi in rete verso i minori”. A lanciare il grido d’allarme è Ernesto Caffo, presidente e fondatore di Telefono Azzurro, intervenuto ieri pomeriggio al Promoting Digital Child Dignity, in corso presso la Pontificia Accademia delle Scienze sociali.

“Dossier abuso sessuale e pedofilia”

Due dati su tutti emergono dal “Dossier abuso sessuale e pedofilia” (2019) curato da Telefono Azzurro: secondo una stima di Microsoft, ogni giorno vengono scaricate 720.000 immagini rappresentanti abusi sessuali sui bambini. La recente pubblicazione annuale della Internet Watch Foundation evidenzia come lo scorso anno siano stati esaminate 229.328 url, di cui 105.047 di contenuto pornografico: il 23% mostrava violenza o torture sessuali commesse su minori. “È chiaro – ha sottolineato Caffo – che dobbiamo aumentare il nostro impegno nel considerare la sicurezza online dei bambini una priorità su base mondiale. Spesso la battaglia contro questi rischi non è uniforme gli stakeholder chiave, le forze dell’ordine, i governi, il quadro giuridico, le aziende, le università, le Ong, le scuole, i genitori e la società civile devono combinare i loro sforzi per delineare un piano collettivo di prevenzione e intervento”. Per il fondatore di Telefono Azzurro è importante anche tenere presente quali sono “le opportunità fornite dalle tecnologie digitali e dal loro possibile ruolo nel combattere questi crimini. Per esempio l’intelligenza artificiale può contribuire attivamente a rilevare, individuare e riferire i segni di un abuso o una violenza online”. Secondo i dati diffusi nel rapporto 2019 “Child Online Safety: Minimizing the risk of violence, Abuse and exploitation online”, riferiti a 29 Paesi, nel corso del 2017 la permanenza online ha esposto il 56% dei bambini in età compresa tra gli 8 e i 12 anni a cyberbullismo, dipendenza da videogiochi, minacce sessuali online ed incontri offline. Caffo ha ricordato inoltre che nel 2018 l’organizzazione inglese Ncmec ha ricevuto 18,4 milioni di segnalazioni di materiale online di abusi su minori e che il 78% delle immagini Csam (Child sexual abuse material) analizzate dal Canadian center for Child protection riguarda bambini al di sotto dei 12 anni di età. Il 63% di queste contiene immagini di bambini minori di 8 anni.

19696

Il Telefono Azzurro è una onlus nata nel 1987 con lo scopo di difendere i diritti dell'infanzia che sono stati riconosciuti con una Convenzione Onu due anni più tardi. L'associazione è stata fondata a Bologna dal Prof. Ernesto Caffo, docente di neuropsichiatria infantile all'Università di Modena e Reggio Emilia. Il 5 dicembre 1990 è stata attivata il numero verde gratuito 1678-48048 e il 18 dicembre seguente, per Decreto del Presidente della Repubblica Francesco Cossiga, Telefono Azzurro viene eretto a “Ente Morale”. Il 26 novembre 1994 il numero diventa più breve (19696): è in funzione, per bambini e adolescenti, tutti i giorni dell'anno, 24 ore su 24. Contemporaneamente l'associazione sviluppa modelli di formazione per operatori esperti sulle tematiche dell'infanzia e dell'adolescenza, fornendo un modello di riferimento anche per altri Paesi europei che implementano la propria linea telefonica per bambini e adolescenti. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.