Aumentano le richieste d'asilo in Italia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:30
Asilo

Mentre a livello europeo i numeri mostrano un calo, nei primi sei mesi del 2017 le richieste di asilo in Italia sono aumentate del 44 per cento. I dati, riportati da Redattore Sociale, sono emersi dal Rapporto sulla protezione internazionale 2017, realizzato da Caritas italiana, Cittalia, Fondazione Migrantes e Sprar, in collaborazione con Unhcr. 

I dati

Il report ha preso in esame il periodo che va dall'inizio dell'anno fino a giugno, ossia prima che si verificasse il calo delle partenze dalla Libia. In questa porzione di anno presa in esame, gli arrivi erano pari a 83.752 (il 19,3 per cento in più rispetto al 2016). Dopo l'accordo con Tripoli, i numeri hanno subito un brusco calo, ed ora la percentuale di sbarchi è il 30 per cento in meno rispetto al 2016. 

Le richieste di asilo in Italia

Le domande presentate nel Belpaese sono state 77.449, pari al 44 per cento in più rispetto ai primi sei mesi del 2016. Da gennaio a giugno, inoltre, sono state esaminate 41.379 richieste di protezione internazionale. Di queste, 4,3 su 10 hanno avuto esito positivo: il 9 per cento dei richiedenti ha ottenuto lo status di rifugiato; il 9,8 la protezione sussidiaria e il 24,5 per cento il permesso di soggiorno per motivi umanitari. Invece, il 51,7 per cento dei richiedenti ha visto rifiutata la propria domanda. 

I migranti minori

Invece, per quanto concerne gli arrivi di migranti minori, nel primo semestre del 2017 sono stati 12.239, ossia il 4 per cento in più rispetto allo stesso periodo del 2016. Nel 93 per cento dei casi si tratta di minori non accompagnati.

A livello europeo calano le richieste di asilo

Trend negativo, invece, per quel che riguarda le richieste di protezione a livello europeo. Infatti il dossier ha sottolineato che le domande di asilo a livello europeo, hanno registrato una tendenza negativa a partire dal 2016: sono state presentate 1.259.955 domande, ossia il 4,8 per cento in meno rispetto al 2015.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.