Allarme Onu: “Ondata di xenofobia, razzismo e intolleranza”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:00

Il mondo è alle prese con “una ondata di xenofobia, razzismo e intolleranza” ed i diritti umani stanno perdendo terreno a livello globale: lo ha detto oggi il Segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, nel suo discorso di apertura del Consiglio per i diritti umani dell' Onu a Ginevra. Guterres ha espresso allarme di fronte a ciò che ha definito un “restringimento dello spazio civico”, sottolineando che sono state uccisie oltre 1.000 persone tra giornalisti e attivisti per i diritti umani solo negli ultimi tre anni.

Immigrazione

“Alcuni dei maggiori partiti o leader politici 'tagliano e incollano' le idee dai margini della società  per la loro stessa propaganda elettorale”, prosegue Guterres. “Abbiamo visto come il dibattito sulla mobilità umana, per esempio, è stato avvelenato con false narrazioni che collegano rifugiati e migranti al terrorismo e li hanno trasformati in capri espiatori per molti mali della società”, ha detto Guterres. Il segretario ha condannato “una campagna insidiosa per annegare il Global Compact sulla migrazione in un fiume di menzogne sulla natura e la portata dell'accordo”. Il capo dell'Onu ha notato che la campagna “ha fallito”. Diciassette paesi si sono astenuti o hanno votato contro il patto all'Assemblea Generale a dicembre e il testo ha alimentato un aspro dibattito politico soprattutto in Europa.

Il Consiglio

Il Consiglio dei Diritti Umani dell’Onu è riunito in sessione di “Segmento di Alto Livello” da oggi fino al 27 febbraio. Istituito nel 2006 come Organo sussidiario dell‘Assemblea generale delle Nazioni Unite, in sostituzione della Commissione dei Diritti Umani, il Consiglio si riunisce annualmente in tre sessioni ordinarie (4 settimane a marzo con un segmento di Alto livello, 3 settimane a giugno e 3 settimane a settembre). Il Consiglio Diritti Umani – creato nel 2005 – è un organo sussidiario dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite con l'obiettivo di denunciare situazioni di violazioni dei diritti umani (sia mediante specifiche tematiche, sia per Paese) ovunque esse si presentino e proporre, mediante risoluzioni, le raccomandazioni perché cessino.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.