Presidenziali: giallo sui risultati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:40

Secondo il premier senegalese Mahammed Boun Abdallah Dionne non ci sono dubbi: il presidente Macky Sall si è aggiudicato al primo turno le elezioni presidenziali svoltesi negli scorsi giorni nel Paese africano. I candidati delle opposizioni, tuttavia, sostengono che per chiudere la partita sarà necessario il ballottaggio

L'annuncio

“I risultati ci consentono di dire che dobbiamo congratularci con il presidente Macky Sall per la sua rielezione“, ha dichiarato Dionne durante un comizio di sostenitori di Sall. “I risultati scrutinati mostrano che il nostro candidato ha vinto con larghi margini in 13 delle 14 regioni del Paese. Possiamo aspettarci un minimo del 57 per cento“. I risultati ufficiali sono attesi tra oggi e domani, con un eventuale secondo turno in programma per il 24 marzo.

Rivali

Durante una conferenza stampa congiunta, i due principali rivali di Sall, l'ex premier Idrissa Seck e Ousmane Sonko, hanno detto invece di aspettarsi un ballottaggio. “Abbiamo visto questo desiderio di cambiare e in considerazione delle prime informazioni che abbiamo, vi siete principalmente espressi a favore dell'opposizione” ha detto Seck. “Al momento attuale dello spoglio, nessun candidato, voglio dire nessun candidato, me compreso, può rivendicare di essere il vincitore delle elezioni presidenziali”, ha aggiunto Sonko.

Gli altri

Gli altri due candidati Issa Sall e l'ex ministro 65enne Madickè Niang sono invece distanziati anche secondo le stime dell'opposizione. In un messaggio via Twitter,Sall si è complimentato per il risultato di Seck e Sono, ringraziando il popolo senegalese. I due principali esponenti dell'opposizione, Karim Wade e Khalifa Sall, sono stati esclusi dalla commissione elettorale a gennaio. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.