La gig-economy e gli ostacoli alla tutela dei lavoratori a chiamata

Mobilità: in Spagna il governo approva una norma per tutelare i gig-workers. Consegna del cibo a domicilio: il tumultuoso boom del comparto in pandemia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
gig
La gig economy è stato finora un modello economico privo di solide garanzie contrattuali. Basato sul lavoro a chiamata. Occasionale e temporaneo. E non sulle prestazioni lavorative stabili e continuative. Nella società “global” tanti non hanno più un singolo lavoro da dipendente. Ma, secondo la definizione della Treccani, una somma di micro-lavori. Per raggiungere il pareggio di bilancio personale o familiare. gig

Boom in pandemia

Consegna del cibo a domicilio: il tumultuoso boom del comparto in pandemia. Ora. qualcosa sta cambiando. “In lockdown siamo stati definiti lavoratori indispensabili. E il delivery un lavoro essenziale. Ma continuiamo a fare questo lavoro a 3 euro a cottimo. Senza neanche la malattia”. In Italia ad organizzare la protesta dei fattorini è stata in primis la rete RiderXiDiritti. Che ha trovato grande risonanza sui social con la proposta di un #nodeliveryday.
gig

Gig-workers

Le società di consegna di cibo con sede in Spagna hanno tre mesi. Per convertire i loro corrieri in lavoratori salariati. Secondo le nuove regole approvate dal governo. Con una delle prime normative in Europa sui diritti dei lavoratori della gig-economy. Il decreto è stato concordato con sindacati e associazioni imprenditoriali. Mira a chiarire la situazione giuridica di migliaia di riders. Dopo che la Corte Suprema spagnola lo scorso anno aveva piantato un paletto fondamentale. Stabilendo che le aziende dovevano assumerli come dipendenti.
gig

A livello Ue

Le nuove regole sono entrate in vigore immediatamente. E alle aziende sono stati concessi 90 giorni per conformarsi. Si sta svolgendo a livello globale dibattito. Su come regolamentare i diritti dei lavoratori nella gig economy. La Commissione europea ha avviato un periodo di consultazione pubblica. Sulle potenziali regole a livello dell’Unione Europea.

Consultazione pubblica

La Spagna è andata avanti rispetto all’Europa. Recependo con la nuova normativa la sentenza della Corte Suprema. Alla quale alcune società erano ancora riluttanti a conformarsi. Nella convinzione che i loro modelli fossero  diversi da quelli oggetto della sentenza. Il pronunciamento dei giudici riguardava specificamente i riders della start up Glovo.
gig

Food delivery

Lo sfruttamento del lavoro in pandemia ha fatto esplodere il “caso riders” in tutta Europa. Sempre più persone senza stabile occupazione. E in condizioni di precarietà. Spinte dal loro stato di necessità a dover accettare prestazioni lavorative. Senza adeguate garanzie. Adesso, però, dalla Spagna arriva un segnale in controtendenza. Che va verso la promozione dello sviluppo di un settore in tumultuosa crescita. E cioè il comparto del “food delivery“.  Un passo di avvicinamento al pieno rispetto dei diritti dei gig-workers.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.