LA VOCE DEGLI ULTIMI

Il piano del governo per “una cultura sempre più accessibile a tutti”

Accessibile a tutti: la cultura non deve avere barriere. A illustrare le misure del governo per una cultura inclusiva è il sottosegretario alla Cultura, Gianmarco Mazzi. Il dicastero ha stanziato complessivamente 2 milioni di euro per tre nuovi bandi emanati dalla direzione generale Spettacolo. L’obiettivo è quello di favorire l’accessibilità alle attività delle artiste e degli artisti con disabilità. Di valorizzare le attività di spettacolo dal vivo negli istituti e nei luoghi di cultura. E di promuovere la musica jazz. Gli intenti sono di valorizzare quelle iniziative in grado di intercettare nuovo pubblico. Favorire la rigenerazione dei territori e dei relativi spazi culturali. E rendere la cultura e lo spettacolo dal vivo sempre più fruibile da tutti.

Cultura inclusiva

In Italia le famiglie che versano in una situazione di povertà e in cui è presente una o più persone con disabilità vivono in una condizione di isolamento creata da muri relazionali, istituzionali e di contesto. Cosa chiedono e cosa desiderano per raggiungere una migliore qualità di vita? Tra gli aiuti richiesti, 9 su 10 non sono contributi economici. Bensì servizi “umanizzati”. Sia per la persona con disabilità sia per i familiari. Così da poter mettere la persona al centro. Per una presa in carico globale. La ricerca “Disabilità e povertà nelle famiglie italiane” è stata condotta da CBM Italia. Organizzazione umanitaria impegnata nella prevenzione e cura della cecità e della disabilità. E nell’inclusione delle persone con disabilità nel Sud del mondo e in Italia. Insieme alla Fondazione Emanuela Zancan Centro Studi e Ricerca sociale, Cbm indaga per la prima volta nel nostro Paese un legame. Quello tra le condizione di disabilità e di impoverimento economico e culturale.

Legame

Massimo Maggio è il direttore di CBM Italia “Ci siamo chiesti quale sia la portata del legame tra disabilità e povertà anche nel nostro Paese – afferma Maggio-. Da qui l’idea di questa ricerca sociale che desideriamo mettere a disposizione di tutti coloro che si occupano di disabilità. Come strumento utile per favorire la cultura dell’inclusione”. Secondo gli ultimi dati Istat, in Italia ci sono 3 milioni di persone con disabilità. E 5,6 milioni di persone in povertà assoluta (dato 2022). Il rapporto Istat sulla disabilità del 2019 elenca i motivi per cui la disabilità ha ricadute economiche sulle famiglie. Come, per esempio, l’aumento delle spese e la difficoltà a mantenere il lavoro. A livello europeo l’indagine Eurostat relativa al 2022 evidenzia come anche in Italia il 32,5% delle persone con disabilità sono a rischio povertà più delle persone senza disabilità. Il campione della ricerca è costituito da 272 persone a cui è stato sottoposto un questionario. Di cui 57 coinvolte anche nelle interviste qualitative. Sono persone che vivono in famiglia, residenti in tutta Italia. 9 su 10 con cittadinanza italiana. Di età compresa tra 14 e 55 anni. E in una situazione di disagio socioeconomico.

In difficoltà

In riferimento alla situazione economica, in quasi 9 casi su 10 le famiglie intervistate vivono un disagio economico soggettivo. Cioè riconoscono di arrivare a fine mese con difficoltà. Dal punto di vista oggettivo il 62% non è in grado di affrontare una spesa imprevista di 500 euro. Numerosi i problemi maggiori messi in luce dalla ricerca. In primo luogo il fatto che le famiglie coinvolte nello studio percepiscono e vivono in una condizione di isolamento. Una su 6 non riceve alcun supporto dalle istituzioni. E una su 4 non può contare su una rete informale fatta di amici, parenti non conviventi o volontari. Oltre il 70% è privo di rete amicale di supporto (materiale e immateriale). E il 55% non partecipa ad associazioni di supporto alla disabilità.

Cultura dell’incontro

Quote che aumentano dove si registra un basso livello educativo. Dai dati quantitativi e qualitativi emerge come le famiglie facciano fatica ad arrivare a fine mese. Eppure tra gli aiuti richiesti, 9 su 10 non sono contributi economici. Bensì servizi rivolti sia alle persone con disabilità sia ai familiari. Così da promuovere interventi “umanizzati” e quindi più efficaci per mettere al centro la persona con disabilità. Accompagnarla nelle sue esigenze. E promuovere le risorse e le capacità. In sintesi, per una presa in carico globale. Le maggiori richieste riguardano gli ambiti dell’assistenza sociosanitaria (39%) e sociale (37%). Aiuti nella mobilita’ (25%). E il 23% chiede più opportunità ricreative e di socializzazione.
Giacomo Galeazzi

Recent Posts

Beata Raffaella Ybarra da Villaonga, l’angelo custode delle giovani abbandonate

Beata Raffaella Ybarra da Villalonga, Fondatrice delle Suore degli Angeli Custodi Bilbao (Spagna), 16/01/1843 –…

23 Febbraio 2024

Padre Le sei tappe del nostro cammino quaresimale

Domenica scorsa lo Spirito Santo ci spinse con Gesù nel deserto per affrontare i “nostri…

23 Febbraio 2024

Rinascita dalle macerie della guerra. L’esempio dello sport

Ripartire dallo sport dopo la guerra. Il ministro dello Sport Andrea Abodi ha incontrato al…

23 Febbraio 2024

Carenza di acqua e cibo. Sos per l’infanzia afghana

Allarme in Afghanistan per l'infanzia malnutrita. Nel 2024 7,8 milioni di bambini non avranno abbastanza…

23 Febbraio 2024

I morti sul lavoro chiedono giustizia

I morti del cantiere di Firenze chiedono giustizia e pretendono che altri operai non muoiano…

23 Febbraio 2024

L’importanza delle religioni per costruire la pace

Nel momento di grave crisi internazionale che stiamo vivendo, l’esperienza di San Francesco, ci aiuta…

23 Febbraio 2024