MERCOLEDÌ 05 AGOSTO 2015, 18:01, IN TERRIS

MAFIA CAPITALE, BUZZI ACCUSA: "DA ZINGARETTI A MARINO, SOLDI A TUTTI I POLITICI"

Dal carcere l'ex capo della cooperativa "29 giugno" sembra non voler risparmiare nessuno

AUTORE OSPITE
MAFIA CAPITALE, BUZZI ACCUSA:
MAFIA CAPITALE, BUZZI ACCUSA: "DA ZINGARETTI A MARINO, SOLDI A TUTTI I POLITICI"
Salvatore Buzzi, ras della cooperativa “29 giugno” e uomo di spicco, insieme a Massimo Carminati, di Mafia Capitale, dal carcere accusa praticamente tutti i politici di aver preso soldi, a partire dall’entourage del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, a quello del sindaco di Roma, Ignazio Marino. In particolare, Buzzi se la prende con l’ex sindaco della Capitale, Gianni Alemanno e con quello attuale, Marino. Parla poi di Zingaretti.

È proprio sul governatore che muove con maggiore decisione. A cominciare dalla gara da poco meno di un miliardo di euro bandita nel 2014 per il centro unico di prenotazioni ospedaliere, di cui Buzzi vincerà un lotto – prima che la gara venisse annullata. Racconta di come ci fossero accordi tra Zingaretti e Storace sull’affidamento dell’appalto. Buzzi indica anche un uomo chiave dell’entourage, Peppe Cionci, “l’uomo dei soldi”. Non ha un ruolo politico, ma se “uno deve fare la campagna elettorale e deve dare dei soldi al comitato Zingaretti ti rivolgi a Cionci”.

Ma il presidente della Regione Lazio si difende dicendo che c’è una “macchina del fango” contro di lui. Nega inoltre qualsiasi “intesa con la destra per dividersi gli appalti: la prova è che in due anni nessuna gara è stata vinta da quelle cooperative”. Ribatte su Facebook il concetto, dicendo che lo stesso Buzzi ha terminato il discorso dicendo che alcuni fatti potrebbero essere falsi, ed è dunque cosciente che “si potrebbe trattare di cialtronerie”.

Passando alla Capitale, il ras della cooperativa dice che con Marino erano cambiate le regole: con Alemanno “comandavano gli assessori. Con il nuovo sindaco, i dirigenti dei dipartimenti”. Ma ciò che era rimasto invariato era la modalità: “La regola era che si pagava la tangente sul valore del 50% dei lotti di gara”, ed era “la politica che decideva a chi doveva essere assegnato”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Monsignor Antonio Riboldi
NAPOLI

Addio a monsignor Riboldi, protagonista della lotta alla camorra

Il vescovo emerito di Acerra (Napoli) si è spento all'età di 94 anni
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella
MATTARELLA

"Il rispetto dei diritti umani è il pilastro di una società giusta"

Il messaggio del presidente della Repubblica in occasione della Giornata mondiale per i diritti umani
Il Duomo di Milano
CONCERTO DI NATALE

Arie sacre in Duomo di Milano

In scaletta le più belle "Ave Maria" del reportorio classico
La Stazione spaziale internazionale
MICRORGANISMI IN ORBITA

Trovati batteri terrestri all'interno della Stazione Spaziale

Sono stati portati in orbita dagli astronauti
il vescovo di Mazara del Vallo, monsignor Domenico Mogavero

Il senso d'umanità

In seguito alla decisione del Tribunale di sorveglianza di Roma che ha respinto la sua richiesta di sospensione della...
Una frazione di gioco di Juventus-Inter
CALCIO | SERIE A

Juve-Inter a reti bianche: Spalletti è ancora primo

I bianconeri giocano meglio ma non sfondano: 0-0. Il Napoli può tornare davanti