MARTEDÌ 08 OTTOBRE 2019, 09:58, IN TERRIS

DIRITTI UMANI

Caso Regeni, l'Italia dà un ultimatum all'Egitto

Alla Farnesina l'incontro con i genitori del ricercatore barbaramente ucciso. Di Maio: "È arrivato il momento di cambiare atteggiamento"

MARCO GRIECO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio. A destra, un momento della manifestazione in ricordo di Giulio Regeni del 25 gennaio scorso
Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio. A destra, un momento della manifestazione in ricordo di Giulio Regeni del 25 gennaio scorso
"U

na priorità". Così il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio ha definito il caso di Giulio Regeni, il giovane ricercatore dell'Università di Cambridge, sparito al Cairo il 25 gennaio 2016 e ritrovato morto il 3 febbraio successivo, il corpo abbandonato sul ciglio di una strada e con evidenti segni di torture. Ieri il ministro Di Maio ha incontrato i genitori del giovane, da tre anni in prima linea sulla strada della verità, accompagnati dall'avvocato Alessandra Ballerini: "Per l'Italia è arrivato il momento di cambiare passo e atteggiamento" è stato il suo commento subito dopo averli ricevuti.


Un percorso a ostacoli

Le dichiarazioni di Di Maio rappresentano una nuova tappa della ricerca di giustizia e verità per il giovane italiano, apparsa sin da subito tortuosa. In tre anni la procura di Roma ha chiesto delle risposte all'Egitto e, puntualmente, esse sono arrivate in ritardo. L'ultimo diniego del Cairo risale a sei mesi fa, quando la procura egiziana non ha inviato alcuna risposta alla rogatoria inviata dal sostituto procuratore di Roma, Sergio Colaiocco: la procura italiana aveva chiesto alle autorità dell'Egitto una risposta alle dichiarazioni rilasciate da un testimone su un presunto agente dell'intelligence del Cairo che avrebbe preso parte al sequestro di Giulio. Capire la versione egiziana significherebbe mettere in luce uno dei tasselli di tutta la vicenda, che appare ancora oscura, che finora ha portato la Procura di Roma a iscrivere cinque agenti della National security nel registro degli indagati per sequestro di persona. Dal canto suo, l'Egitto preferisce non procedere con le accuse, perché si tratterebbe di poliziotti e questa procedura non esiste in Egitto.


I prossimi passi

D'altra parte, il governo del presidente Al Sisi sta portando avanti una sua strategia interna sul caso Regeni. Il legale della famiglia Regeni al Cairo, Mohamed Lotfy, ha fatto sapere di essere oggetto di costanti minacce: lo scorso anno, infatti, sua moglie Amal era stata condannata a due anni di carcere con l'accusa di terrorismo e diffusione di notizie false e, per la sua scarcerazione, Paola Deffendi, madre di Giulio, e l'avvocato Ballerini aveva cominciato uno sciopero della fame. Intanto, dopo le nebbie sulle difficili posizioni della scorsa legislatura - con il Presidente della Camera dei deputati, Roberto Fico, che ha chiesto di far luce sul caso, e l'allora ministro dell'Interno, Matteo Salvini, che aveva bollato il caso Regeni come una "questione di famiglia" - oggi il governo Conte II sembra molto più deciso a portare avanti delle linee anche radicali nei confronti dell'Egitto. I genitori di Giulio chiedono di richiamare l'ambasciatore al Cairo, Gianpaolo Cantini, inviato due anni fa in loco con il compito di favorire la collaborazione giudiziaria fra i due Paesi. Si tratta di un'ipotesi tutt'altro che certa. Certo è, tuttavia, che il governo italiano intende porre all'Egitto un ultimatum: se entro la fine di ottobre l'Egitto non fornirà risposte convincenti all'Italia, il governo si comporterà di conseguenza: "Speriamo in un cambio di passo anche nei confronti della controparte egiziana" ha ammonito il ministro Di Maio.
 

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Sergio Mattarella a Palazzo Marino con il sindaco di Milano, Beppe Sala
L'ANNIVERSARIO

Piazza Fontana, Mattarella: "Uno strappo lacerante"

Milano ricorda la strage del 1969. Il Capo dello Stato incontra le vedove Pinelli e Calabresi: "Attività depistatoria...
CARITAS

Ristorante Solidale per Natale: ecco il "Piatto Sospeso"

I cibi saranno raddoppiati da Just Eat e donati a comunità e case famiglia bisognose
IL PUNTO POLITICO

Quel che resta dopo il Mes

La maggioranza tiene e approva la risoluzione sul Fondo salva Stati, ma nel M5S votano contro in quattro parlamentari
Il sindaco di Scalea Gennaro Licursi
COSENZA

Si assenta dal posto di lavoro: arrestato il sindaco di Scalea

Sospensi tre dipendenti dell'Asp accusati di essere complici del primo cittadino, Gennaro Licursi
Pastore con le greggi
UNESCO

La Transumanza è Patrimonio culturale immateriale dell’umanità

Bellanova: "Siamo fieri di questo riconoscimento per la tradizione rurale italiana"
Il crollo a Montelupo Fiorentino
FIRENZE

Crolla muro a Montelupo: evacuate 5 famiglie

Il Sindaco: "Ho temuto il peggio, zona altamente frequentata per la presenza di ristoranti"
Marta Cartabia

Buone notizie

Grandi soddisfazioni per la nomina di Marta Cartabia alla presidenza della Corte Costituzionale, per la forte ragione...
Il Banco dell'Agricoltura dopo l'esplosone

Piazza Fontana, una strage senza giustizia

Diciassette morti, uccisi dalla bomba piazzata al Banco dell'Agricoltura. Cinquant'anni dopo, un buco nella coscienza...

Il profitto ad ogni costo

In una barzelletta si racconta un processo per disastro edilizio per il quale vengono convocati in tribunale il...

Il Presepe violato

Di fronte all’escalation di profanazioni e strumentalizzazioni sacrileghe della fede, viene da chiedersi se in...
Giuseppe Conte in Senato
IL VOTO

Mes, il governo supera lo scoglio del Senato

Ok delle Camere alla risoluzione della maggioranza ma il M5s si spacca sui dissidenti
EMERGENZA STRESS

9 adulti su 10 a rischio burnout in ufficio

Affaticamento mentale in aumento. Migliora l'inserimento nel mondo del lavoro delle persone con disabilità