GIOVEDÌ 18 LUGLIO 2019, 00:02, IN TERRIS

Tutti i dolori del governo giallo-verde

MARCO FRITTELLA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Giuseppe Conte con i due vicepremier
Giuseppe Conte con i due vicepremier
E'

un momento di grande confusione nel mondo politico. Di incertezza, confusione e tensioni. I due partiti che sorreggono il governo – uniti tra loro non da una alleanza ma da un “contratto” – sono continuamente elettrizzati dalle divergenze tra loro e da una crescente difficoltà a fare sintesi politica. Si possono fare tanti esempi su questo piano: valga tra tutti l’autonomia regionale, sostenuta dalla Lega ma non del tutto condivisa dai 5S. Ma si potrebbe aggiungere la questione delle tasse nella prossima manovra o anche il decreto sicurezza bis. Finora il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha fatto fronte a queste differenze e diffidenze ottenendo anche dei risultati, come è avvenuto quando lui, il ministro del Tesoro Tria e quello degli Esteri Moavero sono riusciti ad evitare all’Italia il guaio della procedura di infrazione per eccesso di debito. Ma è uno sforzo ora più difficile. Si sapeva che dopo il voto europeo le cose sarebbero andate così: il ribaltamento dei rapporti di forza tra Lega e grillini ha provocato un terremoto che non si è mai fermato. Ma adesso a rendere tutto più teso ci si è messo il cosiddetto “caso Russia” – i presunti tentativi di ottenere finanziamenti alla Lega mediante una compravendita di petrolio russo – che, esplodendo, ha finito per creare problemi a Salvini il quale denuncia l’opacità della faccenda e se ne dichiara estraneo ma non può evitare le polemiche contro di lui. Di Maio, al pari di Zingaretti, gli ha chiesto di andare in aula a spiegarsi. E quando Salvini ha detto: non ho nulla da dichiarare, Conte in persona si è fatto avanti: parlerò io.

Non basta: il voto al Parlamento europeo sulla nuova presidente della Commissione ha diviso leghisti e grillini: contrari i primi alla candidata di Merkel e Macron; favorevoli i secondi i cui voti anzi si sono rivelati determinanti per la Von der Leyen. Una divaricazione tra partiti che fanno parte dello stesso governo su una votazione così importante finisce per riverberarsi sull’intero Paese di cui non si percepisce più nitidamente la linea di politica estera. E adesso che si apre la partita per la nomina di un commissario italiano sperabilmente di peso, si cominciano a nutrire dubbi sulla possibilità che sia un leghista, come invece si era detto fino a qualche giorno fa. Le accuse reciproche sono diventate veramente molto pesanti.

Come andrà a finire? La “finestra” per andare a votare in settembre, prima cioè di entrare nella sessione di Bilancio, si chiuderà tra poche ore. La coabitazione giallo-verde dunque deve andare avanti ancora un po’. Se in estate cade il governo, o se ne forma uno nuovo e politico – un clamoroso ribaltone di un’alleanza PD-5S? - o se ne mette in piedi uno tecnico che faccia il bilancio 2020 e ci porti alle urne in primavera. Altre ipotesi non ce ne sono, tantomeno quello di un ricorso immediato alle urne. Finora Salvini ha frenato quanti, tra i suoi, chiedevano la rottura con i grillini: bisognerà vedere se è ancora della stessa idea.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il crollo a Montelupo Fiorentino
FIRENZE

Crolla muro a Montelupo: evacuate 5 famiglie

Il Sindaco: "Ho temuto il peggio, zona altamente frequentata per la presenza di ristoranti"
Giuseppe Conte in Senato
IL VOTO

Mes, il governo supera lo scoglio del Senato

Ok delle Camere alla risoluzione della maggioranza ma il M5s si spacca sui dissidenti
ISTRUZIONE

E' boom di ripetizioni

Uno studente su tre prende lezioni private per alzare la media dei voti o per recuperare il deficit di apprendimento nelle aule...
FONDO SALVA STATI

Conte in Parlamento: non dividiamo l'Ue

Le comunicazioni del premier in vista del Consiglio Europeo del 12 e 13 dicembre. Tre parlamentari M5S pronti a passare alla...
Dettaglio dei graffi sulla Luna di Saturno, Encelado
SPAZIO

Chi ha graffiato la superficie di Encelado?

Ecco cosa sta succendento sulla luna di Saturno
Marta Cartabia
CORTE COSTITUZIONALE

Cartabia presidente: prima donna a guida della Consulta

Il suo mandato durerà nove anni ma sarà di portata storica: "Ho rotto un cristallo, spero di fare da...
Una studentessa nell'Università di Tokyo - Foto © Andrea DiCenzo per The New York Times
DISCRIMINAZIONE

Ragazze sempre più sole nelle università giapponesi

La denuncia del New York Times. In poche accedono a un'alta formazione
Un frame del video della conferenza di presentazione del calendario Fec
ROMA

I tesori dell'arte sacra diventano un calendario

Presentato al Viminale l'annuario del Fec 2020 con i paramenti liturgici e gli arredi religiosi di proprietà del...
Carlo Ancelotti
CALCIO

Ancelotti, due notti di Champions come regalo d'addio

L'esonero arriva dopo il 4-0 al Genk che vale gli ottavi, quando tutti pensavano forse all'inizio del rilancio...
L'arcivescovo Pennisi con l'Igumeno del monastero di San Pietro, Mosca
IL DIALOGO COME MISSIONE

Monreale-Mosca, l'ecumenismo della cultura

In Russia gli arcivescovi Pennisi e Pezzi attuano la "geopolitica della misericordia" di papa Francesco per...
IL PUNTO

Cosa bolle in Parlamento

Tra fondo salva-Stati e legge elettorale, continua il dialogo nella maggioranza
BRESCIA

Bimbo investito a Coccaglio: fermato il pirata della strada

Alla guida della vettura che ha travolto il piccolo e la sua mamma una ragazza di 22 anni