SABATO 25 LUGLIO 2015, 000:10, IN TERRIS

Renzi cancella le pensioni di Boeri

AUTORE OSPITE
Renzi cancella le pensioni di Boeri
Renzi cancella le pensioni di Boeri
Con un doppio colpo, al corpo e alla testa, il governo Renzi ha mandato al tappeto le proposte pensionistiche del presidente dell’Inps Tito Boeri. Ha iniziato una settimana fa proprio il Premier quando ha annunciato le linee guida di politica economica fino a fine legislatura: di pensioni se ne riparla nel 2018. Tradotto nel linguaggio del fare della politica significa che, dello sforzo propositivo riformista avanzato negli ultimi sette mesi da Boeri nulla diventerà legge. Il presidente dell’Inps, gli ha comunicato Renzi, può smetterla di inondare i media di sue proposte di cambiamento del sistema pensionistico italiano perché esse, stante l’agenda di governo, al massimo possono andare bene per organizzare una sessione di lavoro al Festival dell’economia di Trento.

Non è detto che la decisione di Renzi sia la più giusta, perché le regalie retributive fatte negli ultimi decenni in Italia sono una delle grandi cause dell’attuale disoccupazione giovanile di massa (alla quale il Premier socialdemocratico, stranamente, non ha dedicato alcuna attenzione all’assemblea del Pd mentre dovrebbe essere il primo punto di un’agenda politica riformista, ndr.), ma le esigenze elettorali, cioè le amministrative del 2016, e l’andamento dei sondaggi hanno suggerito a Renzi di congelare la riforma pensionistica.

Ora Boeri deve iniziare ad occuparsi della macchina dell’Inps, un carrozzone che eroga una qualità di servizi indegna dell’eurozona. Per decenni tutto nell’Inps è stato espressione dell’occupazione politico-sindacale e la qualità dei servizi, resi a chi pagava i costi dell’Inps, un fattore insignificante. Nella stagione della presidenza Mastrapasqua si è raggiunta la sublimazione: gare pubbliche, anche in settori chiave come la tecnologia, fatte in maniera che a priori fosse tutto già predefinito o, almeno, questa era l’impressione che il mercato aveva della gestione Inps e senza alcuna strategia industriale. I risultati delle gare, poi, rafforzavano la convinzione.

Boeri, da questa prospettiva, ha già innovato. Nominando un direttore generale al di fuori della tecnostruttura Inps, quella scelta dai sindacati, ha mosso nella direzione giusta. Massimo Cioffi è stato un ottimo manager nel settore privato e il solito ricorso in tribunale contro la sua nomina dovrebbe rinforzare la traiettoria decisionale dello stesso Boeri: dare carta bianca al nuovo DG per rompere gli equilibri Inps, perché fino al 2018 la priorità di Boeri è diventata il miglioramento del funzionamento della macchina organizzativa.

Giuliano Poletti, poi, ha passato anche lui il Rubicone pensionistico. Non vuole essere più costretto a commentare le proposte di Boeri lette sui giornali. Da qui al 2018 sarà lui che farà al consiglio dei ministri le proposte di legge di riforma del sistema previdenziale e si sta organizzando a livello di staff per raggiungere l’obiettivo. Poletti ha ripreso le redini delle pensioni che Boeri gli aveva sfilato di mano.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"