Coronavirus: il Sud chiamato al cambio di rotta

La Sanità è stata drammaticamente penalizzata dal malgoverno sotterraneo che ha retto le regioni meridionali italiane

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:27

Se il numero delle persone contagiate dal Covid-19 nelle regioni del Sud Italia dovesse aumentare, come previsto, sarebbe un disastro. Il Sud Italia, purtroppo, non sarebbe in grado di affrontare l’emergenza come stanno facendo in Lombardia ed in Veneto. 

Barbara Palombelli ha sbagliato ad esprimersi, certamente, ma il popolo del Sud deve smetterla di fare del vittimismo un’arma per difendersi: dobbiamo, noi meridionali, essere realisti e ammettere i nostri errori. La responsabilità, purtroppo, è anche di una buona parte del popolo meridionale, di cui faccio parte, che ha dato ascolto ai mafiosi di turno e ai politici ad essi connessi, i quali hanno voluto un Sud arretrato facendo leva sul silenzio dei meridionali omertosi ed  incapaci, per paura, di reagire e di imporsi. La Sanità è stata drammaticamente penalizzata dal malgoverno sotterraneo che ha retto le regioni meridionali italiane.

Spero che quando vedremo la luce nel tunnel di questa drammatica esperienza noi meridionali cambieremo rotta ed affideremo le nostre sorti a uomini onesti e capaci di governare i nostri territori in modo da garantirne lo sviluppo ed il vero benessere. Diciamo basta alla povertà e allo sfruttamento, basta alla corruzione e diciamo, soprattutto, basta all’essere collusi con chi promette e non fa nulla! Alziamo la testa, siamo un grande popolo. Facciamo aprire gli ospedali fantasma, quelli costruiti e mai messi in funzione, quelli che hanno arricchito chissà chi. Dobbiamo volerci bene noi meridionali e credere nella giustizia e nella verità. Ce la faremo, ne siamo convinti. Da domani iniziamo a porre le basi per un cambiamento davvero straordinario“. 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.