VENERDÌ 20 SETTEMBRE 2019, 00:02, IN TERRIS

Chi ha paura di Papa Francesco?

GIACOMO GALEAZZI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Papa Francesco con un bambino malato - Foto © L'Eco di San Gabriele
Papa Francesco con un bambino malato - Foto © L'Eco di San Gabriele
S

e i social fossero uno specchio veritiero della realtà, dovrebbe esserci uno scisma al giorno. E invece, malgrado urla e strepiti virtuali di rumorose minoranze pregiudizialmente ostili al pontificato di papa Francesco, la Chiesa è unita attorno al Vicario di Cristo. Sostanzialmente i nemici del Pontefice sono gli stessi che da mezzo secolo accusano il Concilio Vaticano II di aver fatto deragliare la cattolicità dai binari di una "tradizione" disegnata a immagine e somiglianza dei sedicenti "veri cattolici" anti-Bergoglio. Le parole di Francesco sono più illuminanti di qualunque retroscena giornalistico: prima la misericordia poi il resto. Una concezione della sua missione che fa di papa Bergoglio non solo il capo della Chiesa o il portavoce dell’intera cristianità, bensì un interlocutore e referente morale di “tutti gli uomini di buona volontà”, secondo la lezione di Giovanni XXIII, il predecessore cui Francesco maggiormente si ispira nel magistero e che ha proclamato santo a piazza San Pietro nella stessa cerimonia di canonizzazione di Karol Wojtyla.

Mettendo in fila i momenti della sua predicazione si scopre un costante richiamo alla misericordia come strumento di evangelizzazione in un mondo secolarizzato e confuso che ha smarrito molti valori ereditati da una fede radicata malgrado infedeltà e inadeguatezze. Il 23 ottobre 2015 Francesco esprime lo stesso concetto del suo maestro Angelo Giuseppe Roncalli. I tempi cambiano, anche i cristiani cambino. Senza paura e nella fede in Gesù. Alla messa celebrata alla Domus Santa Marta, prima dell’inizio della penultima congregazione generale del Sinodo sulla famiglia, ormai alle battute finali, Jorge Mario Bergoglio riconosce che non è facile capire i segni dei tempi, cosa vuole realmente dirci Cristo: troppo facile conformarsi, bisogna invece fare silenzio e osservare. E dopo fare una riflessione. E così i tempi cambiano e i cristiani devono cambiare continuamente, con libertà e nella verità della fede.

I nemici di Francesco non gli perdonano di parlare incessantemente di una Chiesa che deve operare facendo attenzione ai segni dei tempi, senza cedere alla comodità del conformismo, ma lasciandosi ispirare dalla preghiera. Un’esortazione a camminare saldi nella fede in Gesù Cristo, saldi nella verità del Vangelo, ma l’atteggiamento dei cristiani deve muoversi continuamente secondo i segni dei tempi. I cristiani sono liberi per il dono della libertà che ha donato Gesù Cristo. Ma il lavoro dei cristiani è guardare cosa succede dentro, discernere i loro sentimenti e pensieri. E cosa accade fuori discernendo i segni dei tempi. Secondo Francesco, dunque, i tempi fanno quello che devono: cambiano. I cristiani devono fare quello che vuole Cristo: valutare i tempi e cambiare con loro, restando saldi nella verità del Vangelo. Ciò che non è ammesso è il tranquillo conformismo che, di fatto, fa restare immobili. Gesù parla dei segni dei tempi dando degli ipocriti a coloro che sanno comprenderli ma non fanno altrettanto con il tempo del Figlio dell’Uomo. Dio ha creato gli uomini liberi e per avere questa libertà occorre aprirsi alla forza dello Spirito e capire bene cosa accade dentro e fuori il loro animo, usando il discernimento. Gli uomini hanno, secondo Francesco, questa libertà di giudicare quello che succede fuori di essi. Ma per giudicare devono conoscere bene quello che accade fuori da loro stessi. E come si può fare questo? Come si può fare questo, che la Chiesa chiama conoscere i segni dei tempi? I tempi cambiano. Per Francesco è proprio della saggezza cristiana conoscere questi cambiamenti, conoscere i diversi tempi e conoscere i segni dei tempi. Cosa significa una cosa e cosa un’altra. E fare questo senza paura, con la libertà. Bergoglio riconosce che non è una cosa facile, troppi sono i condizionamenti esterni che premono anche sui cristiani inducendo molti a un più comodo non fare.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Edo campi
21 Settembre 2019 @ 11:22
Grazie per questo articolo. Spero, d'accordo con Galeazzi, che questo clima scismatico gestito da potenti del business mondiale e da conservatori preconciliari sia "più fumo che arrosto" e che quel misero (o miserabile) fumo non possa mai un giorno sfociare in atti di forza diretti essenzialmente contro Francesco. Preghiamo per loro, perché possano lasciarsi illuminare dallo Spirito e preghiamo per Francesco perché lo Spirito possa donargli tutta la forza e la saggezza che lo hanno sorretto finora.
Carlo capanna
20 Settembre 2019 @ 10:11
È inaccettabile lo schierarsi politico della chiesa oggi i cristiani tutti debbono sforzarsi xil bene non x il buono apparente

Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Immagine di repertorio
IL CASO

Milano, il pm sospende il gioco horror

Per gli inquirenti, l'assenza di illuminazione avrebbe messo in pericolo i concorrenti
La statua d'arte indigena, oggetto di controversie, trasportata lungo via della Conciliazione durante la Via Crucis del 19 ottobre scorso - Foto © Andrew Medichini per AP
SINODO PER L'AMAZZONIA

Statue indigene in chiesa gettate nel Tevere. Per alcuni erano pagane

Continua il caso controverso sulle statue di arte indigena collocate in una chiesa durante il Sinodo
Scritta per Desirée sul portone dello stabile dove il suo corpo è stato ritrovato
ROMA

Morte di Desirée, in quattro a processo

La 16enne venne ritrovata priva di vita, un anno fa, in uno stabile abbandonato del quartiere di San Lorenzo
Il libro di don Aldo Buonaiuto,
SASSOFERRATO | ANCONA

Halloween: un viaggio nel mondo nell'occulto

L'incontro tenuto da don Aldo Buoniauto presso la parrocchia di san Facondino
Giuseppe Conte e Luigi Di Maio
GOVERNO

Manovra, bilaterali coi partiti: Conte prova a ricucire

Il premier incontra le forze di maggioranza per snodare i punti critici. E anche dall'Ue arriva una missiva per chiedere...
L'incendio e i danni al tetto della struttura storica
TORINO

In fiamme la Cavallerizza Reale, patrimonio Unesco

Appendino: "Il tema oggi non è l’occupazione ma che la Cavallerizza così non può stare"
Immagine di repertorio
NUOVI MERCATI

La tecnologia rilancia l'impresa, ma mancano 45 mila tecnici digitali

In agosto recupero della produzione industriale. Richieste nuove competenze e nel weekend 100 mila visitatori a Roma alla fiera...
La merce sequestrata
SALERNO

Contrabbando di tabacchi: 12 arresti

Sospeso il reddito di cittadinanza a cinque dei fermati
Strade allagate
ALLERTA METEO

Nubifragio a Milano, città allagata

Il fiume Seveso è vicino all'esondazione, sotto osservazione anche il Lambro
Pini domestici
EMERGENZA ECOLOGICA

Piano del Campidoglio per le periferie green

In Italia 31 metri quadri di verde a cittadino. Piantare alberi è tra gli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo...
Sampdoria-Roma 0-0. Nicolò Zaniolo contrastato da Bertolacci - Foto © Twitter
SERIE A

Ranieri, buona la prima: la Roma sbatte sulla Samp

Pareggio a reti bianche a Marassi. Il Genoa crolla col Parma, l'Inter soffre ma stende il Sassuolo
Maker Faire Rome
SVILUPPO

Enea, verdure spaziali e hi-tech anti-zanzare

Alla rassegna romana degli inventori 4.0 le ultime scoperte dell’ente pubblico di ricerca