MERCOLEDÌ 18 SETTEMBRE 2019, 11:59, IN TERRIS


UDIENZA GENERALE

Papa Francesco: "Senza Dio, i governi cadono"

La catechesi del Pontefice sul discernimento e l'opposizione del potere

MARCO GRIECO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Papa Francesco - Foto © Vatican Media
Papa Francesco - Foto © Vatican Media
N

ella catechesi dell'udienza generale di quest'oggi, Papa Francesco ha preso come spunto il brano tratto dagli Atti degli Apostoli (At 5,34-35.38-39).


L'udienza generale di Papa Francesco in Piazza San Pietro - Video © Vatican Media


La fede come esperienza

Meditando sul "coraggio" mostrato dall'apostolo Pietro e dagli altri discepoli di Cristo nell'opporsi a chi ostacola l'annuncio del Vangelo nel mondo, il Papa ha posto l'accento sull' "obbedienza della fede": una parola che potrebbe sembrare paradossale se comparata all'eroismo di talune scelte. Eppure, tale obbedienza non va confusa con il radicalismo di una posizione "A  partire dalla Pentecoste - sottolinea il Papa -  [i discepoli] non sono più uomini 'soli'. Sperimentano quella speciale sinergia che li fa decentrare da sé e fa dire loro: 'noi e lo Spirito Santo' o 'lo Spirito Santo e no'. Forti di questa alleanza, gli Apostoli non si lasciano intimorire da nessuno. Non retrocedono nella loro marcia di testimoni intrepidi del Risorto, come i martiri di tutti i tempi, compresi i nostri.


La forza di Dio contro il potere

Il Papa definisce gli apostoli "megafoni dello Spirito Santo", che mettono in discussione, con la loro testimonianza martiriale le sovrastrutture politiche e sociali del tempo, in primis "il sistema religioso giudaico, che si sente minacciato e risponde con violenza e condanne a morte. Ma, in mezzo al sinedrio, si leva la voce diversa di un fariseo che sceglie di arginare la reazione dei suoi: Gamaliele, 'dottore della Legge, stimato da tutto il popolo'. Alla sua scuola San Paolo imparò a osservare 'la Legge dei padri'. Gamaliele prende la parola e mostra ai suoi fratelli come esercitare l’arte del discernimento dinanzi a situazioni che superano gli schemi consueti". Il Papa ha, altresì, ricordato che "ogni progetto umano può naufragare": "I progetti umani umani falliscono sempre. Pensate a tanti progetti politici e a come cambiano da una parte all'altra in tutti i Paesi. Pensate ai grandi imperi, alle dittature del secolo scorso. Si sentivano potentissimi e poi sono crollati. Pensate agli imperi di oggi: crolleranno se Dio non è con loro". Il Pontefice si è soffermato anche sulla storia millenaria della Chiesa e sui suoi errori umani che ne hanno minato la stabilità. Eppure "perché non è crollata?" si domanda il Papa: "Perché Dio è lì, è con noi. La forza è Dio".


Due tipi di megafono

La metafora scelta da Papa Francesco per descrivere l'ardore dei discepoli di Cristo è quella del megafono. Il Pontefice non è nuovo a quest'immagine. Nell'incontro con l'Associazione stampa estera in Italia del 18 marzo scorso, il Papa ha parlato di "megafoni" con un'accezione negativa, riferendosi cioè a una scorretta informazione che "si scontra", che "monologa", che "disorienta", che "semina odio". A un approccio scorretto di fare informazione, il Papa invitava i giornalisti a "camminare in pace, non per seminare odio; per dare voce a chi non ha voce, non per fare da megafono a chi urla più forte".


La saggezza di Gamaliele

L'episodio degli Atti, che arriva a focalizzarsi sulla figura del fariseo Gamaliele, offre a Papa Francesco l'occasione per contrappore due visioni delle "opere umane": "Ogni progetto umano può riscuotere dapprima consensi e poi naufragare, mentre tutto ciò che viene dall’alto e porta la 'firma' di Dio è destinato a durare. Perciò Gamaliele conclude che, se i discepoli di Gesù di Nazaret hanno creduto a un impostore, sono destinati a sparire nel nulla; se invece seguono uno che viene da Dio, è meglio rinunciare a combatterli; e ammonisce: 'Non vi accada di trovarvi addirittura a combattere contro Dio!'". Gamaliele - sottolinea il Papa - ha una virtù essenziale per il Cristiano: il timor di Dio. Attraverso l'esempio del fariseo, il Pontefice ricorda come questo dono divino non sia da fraintendere con la paura: piuttosto è la ferma volontà di "custodire la vita di chi, secondo i suoi fratelli, meriterebbe la morte. Gamaliele mostra inoltre di essere dotato di saggezza profetica, perché invita gli altri a stare attenti a non cedere alla tentazione della fretta e a imparare ad attendere lo sviluppo dei processi nel tempo. Infatti, Dio parla e si manifesta anche attraverso il tempo, manifestando la 'tenuta' o meno di ogni cosa". Alla fine dell'episodio, infatti, le parole di Gamaliele inducono "gli altri membri del Sinedrio" a rinunciare "ai propositi di morte".


L'arte del discerimento

La virtù di Gamaliele, quella del discernimento, è attuale ancora oggi, soprattutto davanti a situazioni difficili. "Il discerimento [...] ci invita alla lungimiranza" ricorda Papa Francesco, e invita "a non dare giudizi affrettati, a cogliere il dinamismo di un processo in un arco di tempo più ampio e disteso". Il Papa parla del discernimento come un'arte: "un esercizio dell’intelligenza spirituale di figli di Dio che imparano a vedere nella storia le tracce della presenza del Padre". Per questo, il Pontefice ha concluso con una preghiera, perché il discernimento venga attualizzato dai cristiani ancore oggi: "Chiediamo [allo Spirito Santo] di saper vedere sempre l'unità della storia della salvezza attraverso i segni del passaggio di Dio in questo nostro tempo e sui volti di chi ci è accanto, perché impariamo che il tempo e i volti umani sono messaggeri del Dio vivente".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un robot in esposizione alla fiera di Roma - Foto © Maker Faire Rome
NUOVE FRONTIERE

Idee per le aziende 4.0

In fiera a Roma l'innovazione tecnologica che cambia l’economia
Migranti al porto
MIGRANTI

In Ottobre sbarcate in Italia 762 persone

Viminale: da inizio anno sono 8.395 i migranti giunti sulle nostre coste
Bimbo davanti al pc
FIRENZE

Un "patentino digitale" contro i pericoli del web

Pensato per gli studenti delle scuole secondarie di primo grado e i loro familiari
Carabinieri
CAMPANIA

Camorra: 23 arresti ad Avellino

Smantellato il clan Partenio, l'operazione ha visto impegnati 250 militari dell'Arma
Bambino indigeno
SINODO AMAZZONIA

Focsiv, incontro a Roma con i leader dei popoli indigeni

"Difendere l’Amazzonia è difendere il diritto allo sviluppo umano integrale"

A quando l'Europa leader mondiale!

Dopo gli attacchi sferrati in questi ultimi anni contro la Unione Europea da parte degli euroscettici quando non da...
Le scarpe rosse, simbolo della protesta contro i maltrattamenti sulle donne
VIOLENZA SULLE DONNE

Lei lo vuole lasciare, lui la picchia a sangue

Massacra di botte la compagna, arrestato un moldavo nel Ferrarese. Boom di casi sommersi
Hevrin Khalaf, l'attivista siriana uccisa in un agguato nel nord-est della Siria
VICINO ORIENTE

Siria, uccisa l'attivista Khalaf

Morto anche un giornalista non lontano dal fronte. Si teme un ritorno dell'Isis
Un momento delle proteste degli ultimi giorni per le strade di Quito - Foto © AFP
AMERICA LATINA

Ecuador, i giorni degli scontri

Clima di guerra nelle strade di Quito. Si cerca la via del dialogo fra il presidente Moreno e i leader indigeni
Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte - Foto © AFP
POLITICA

Zanda (Pd): "Il premier chiarisca sul Russiagate"

In attesa della sua audizione al Copasir, nella maggioranza si chiede a Giuseppe Conte di "rassicurare l'opinione...
Foto di repertorio - Foto © Corriere Etneo
LA TRAGEDIA

Incidente stradale, morti quattro giovani

L'auto si schianta contro un guardrail nel Catanese. Il gruppo ritornava da una serata in discoteca
EMERGENZE DIMENTICATE

Senza sicurezza lavorare uccide

Nella 69° Giornata per le vittime del lavoro, manifestazioni e convegni per fermare la “strage silenziosa”