Migranti, Oim: “In Libia oltre 1.600 vittime di tratta in 2 anni”

Negli ultimi due anni, degli 11.173 migranti assistiti dall'Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), "1.614 sono state identificate come vittime di tratta"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:21
Migrante

Negli ultimi due anni, degli 11.173 migranti assistiti dall’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), “1.614 sono state identificate come vittime di tratta” di esseri umani. Lo sottolinea un rapporto pubblicato dall’Oim lo scorso fine settimana e segnalato oggi dal sito Libya Update.

Il rapporto OIM sulle migrazioni

Anche se le donne delle vittime della tratta sono poco più della metà (596), in proporzione sono “più a rischio di sfruttamento in base ai dati demografici complessivi di genere”, sottolinea il rapporto pubblicato su Twitter precisando che “il 76% dei migranti in Libia sono” uomini, il 12% donne e il “12% bambini”.

“Le vittime identificate provenivano prevalentemente da Nigeria, Somalia e Sudan” e “le forme di sfruttamento più comuni individuate sono state il rapimento a fini di estorsione, il lavoro forzato e il traffico sessuale”, evidenzia la sintesi del rapporto. “Il mezzo di controllo più comune per i trafficanti specificato dalle vittime identificate era l’abuso fisico”, viene aggiunto.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.