A Fabriano un corso per la pianificazione finanziaria familiare. Mons. Massara: “Iniziativa lodevole”

La dottoressa Claudia Segre, Presidente Global Thinking Foundation: "E' il percorso di una società che si mette alle spalle un passato che non è più sostenibile"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:06

Una bella iniziativa che si inserisce tra le tante che la Caritas diocesana di Fabriano ha realizzato in questi anni: sono espressione della presenza cristiana e della Dottrina sociale della Chiesa per la vicinanza, in modo particolare, alle persone bisognose e quindi agli ultimi. E’ un grande strumento per quelle famiglie che si trovano in grande crisi economica, non solo accompagnamento, ma anche sostegno per la gestione delle proprie risorse finanziarie. In tempo di crisi possono scattare molti meccanismi perversi, come lo può essere la ludopatia, o si può correre il rischio di cadere anche nell’usura. Questo progetto sarà sicuramente di grande aiuto. Non è sempre scontato che tutti siano a conoscenza delle tante modalità per la gestione delle proprie risorse, piccole o grandi che siano, le famiglie vanno accompagnate. Un’iniziativa lodevole e va diffusa. Auguro un buon lavoro a tutti”. Sono queste le parole pronunciate dal vescovo della diocesi di Fabriano-Matelica, monsignor Francesco Massara, intervenuto alla conferenza stampa di presentazione del percorso formativo “Pianificazione finanziaria familiare: un passo importante per realizzare i propri obiettivi di vita”, organizzato dalla Global Thinking Foundation per i volontari e le volontarie della diocesi marchigiana.

La conferenza stampa

Alla conferenza stampa hanno partecipato la dottoressa Claudia Segre, Presidente Global Thinking Foundation; l’avvocato Achiropita Curti, promotrice del progetto; Giulia Anzani e Alessia Pendolino, responsabili del Progetto Donne al Quadrato; don Marco Strona, direttore della Caritas di Fabriano-Matelica. “Sono grata a mons. Massara, che con la lungimiranza che contraddistingue il suo ministero, ha promosso questa iniziativa e l’ha resa possibile qui a Fabriano, cogliendo la valenza di questa formazione per i volontari e le volontarie della Caritas – ha affermato l’avvocato Achiropita Curti -. Vorrei precisare che è la prima volta che la Global Thinking Foundation svolge questa formazione nelle Marche, per cui ritengo che sia un punto di orgoglio per Fabriano, in particolare per la diocesi. Sono particolarmente grata alla dottoressa Claudia Segre, Presidente Global Thinking Foundation, per aver accolto il nostro invito a svolgere questo percorso di formazione riguardante la pianificazione familiare“.

“Il progetto Donne al quadrato, negli ultimi 3 anni, ha visto la partecipazione di oltre 6.500 persone, che non solo hanno ricevuto formazione puntuale, ma anche affiancamento – spiega la dottoressa Claudia Segre, Presidente Global Thinking Foundation, in collegamento da New York -. Bisogna partire dalla difesa della qualità della vita, ci sono scelte specifiche che ciascuno di noi può fare e che sono, dal punto di vista sociale e economico, importantissime. Mettere al centro la cittadinanza è fondamentale, perché non si tratta solo di affiancarsi in uno spirito di solidarietà alle persone più fragili ed esposte a difficoltà che possono creare disequilibri economici insostenibili per le famiglie. Ci rivolgiamo a un dialogo fondamentale che deve essere forte grazie alla sinergia e all’unione di intenti di tutti noi, ossia enti del terzo settore, diocesani e che lavorano sul territorio: si tratta di un tessuto sociale fondamentale perché, quando c’è una difficoltà economica, se non c’è questa realtà, come dimostra il lavoro della Caritas sui vari territori, le persone sono abbandonate a loro stesse. E’ questo il percorso di una società che si mette alle spalle un passato che non è più sostenibile, un passato di tipo capitalistico, opportunista, individualista che non ha futuro”.

Il progetto

Il percorso si inserisce nell’ambito di Donne al Quadrato, un progetto no profit di educazione finanziaria, ed ha come obiettivo l’acquisizione di competenze economiche, finanziarie e patrimoniali di base, necessarie per una corretta gestione del bilancio familiare, per favorire il riconoscimento delle reali esigenze individuali e familiari e il raggiungimento quindi dei propri obiettivi a breve e lungo termine. Si analizzerà come evitare la trappola dello sbilanciamento tra entrate e uscite nell’agire economico quotidiano. Come scegliere, aprire e gestire un conto corrente e quali sono gli strumenti di pagamento, da quelli tradizionali ai più innovativi. Saranno affrontati i temi dell’accesso al credito bancario e finanziario, il mutuo, i prestiti e finanziamenti al consumo e come prevenire la trappola del sovra-indebitamento. Verrà analizzato il concetto di rischio e come tutelare il nostro futuro comprendendo la funzione delle assicurazioni e della previdenza.

Il programma

La prima lezione del corso si terra il 29 aprile a partire dalle 17.30, il tema sarà “L’economia in famiglia: una gestione del denaro sostenibile e consapevole”; il 6 maggio si parlerà di “Credito bancario: mutuo, prestiti e finanziamenti al consumo”; il 13 maggio “Dal risparmio all’investimento: percezione e propensione al rischio“; il 20 maggio “Le scelte di oggi per il benessere di domani: assicurazioni e previdenza“; il 27 maggio “Come prevenire e agire contro i fenomeni di usura e crisi da sovraindebitamento“.

Sarà possibile seguire le lezioni in aule virtuali interattive Zoom, della durata di circa 1 ora e mezza ciascuna. I/Le partecipanti potranno seguire la lezione online trasmessa su schermo in presenza, nel luogo identificato da Caritas alla presenza di una moderatrice che veicoli le domande dei presenti oppure accedendo direttamente da remoto ai link di collegamento inviati dalla Fondazione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.