Addio “nonna Peppina”, simbolo dei terremotati

Avrebbe compiuto 99 anni il 26 novembre, a febbraio il presidente Mattarella l’aveva nominata Commendatore della Repubblica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:48

Si è spenta una settimana prima di compiere 99 anni “nonna Peppina”, ancora nella sua casetta di legno. Ma era riuscita almeno a vedere l’inizio dei lavori per ricostruzione della sua vera abitazione, a dicembre 2020. “Spero di poterci andare a vivere almeno per un giorno” , aveva detto in quell’occasione.

Commendatore della Repubblica

La sua casa a San Martino di Fiastra, in provincia di Macerata, era stata ridotta in macerie dal sisma del 2016, così la donna, al secolo Giuseppe Fattori, si era trasferita in una casetta di legno lì accanto. Una costruzione lignea dichiarata abusiva, la cui situazione è stata risolta da una norma contenuta nel decreto fiscale sul terremoto. Appena a febbraio scorso, il capo dello Stato Sergio Mattarella l’aveva insignita della nomina di Commendatore della Repubblica.

Il sindaco di Fiastra: “Un simbolo per tutti”

“Era molto fragile”, ha detto all’Ansa il sindaco di Fiastra Sauro Scaficchia, ricordando che “ormai era un simbolo per tutti“. I funerali saranno celebrati domani alle 15.00 nel santuario del Beato Ugolino di Fiegni di Fiastra.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.