MERCOLEDÌ 19 OTTOBRE 2016, 11:20, IN TERRIS

L'amore non fa credito

MARIANGELA ZAMA
L'amore non fa credito
L'amore non fa credito
In qualsiasi situazione o condizione, anche nella più disperata, ogni persona ha sempre la possibilità di scegliere. Gli sposi possono decidere e impegnarsi per ricostruire la relazione. Colui che prende la decisione di amare si impegna al di là che siano presenti o meno sentimenti di amore e anche indipendentemente dall’altro coniuge. Non è facile perché quando si vive un dolore grande, esso assorbe tutte le energie, ma la persona ha incredibili capacità e risorse creative.

In questa fase quando si prende la decisione di amare gratuitamente, si apportano dei cambiamenti per ricomporre l’unità, spesso avviene la riscoperta della serenità. Così si compie il ciclo della vita matrimoniale: idillio, delusione, disperazione e risurrezione. E’ importante sapere che non si raggiunge l’ultima fase per rimanervi, ma si continua a a percorrere ciclicamente le fasi già descritte. Conoscerle e saperle individuare nella propria vita di coppia potrebbe essere d’aiuto. In fondo è il misteropasquale che si ripete continuamente lungo tutta la vita anche con piccole morti e piccole risurrezioni quotidiane.

Un atteggiamento di fiducia è la base necessaria per un cammino di riscoperta di se stessi, del coniuge e del matrimonio. La vera fiducia non giunge automaticamente, soprattutto quando è stata tradita. E’ un processo doloroso e lento. E’ una scelta: rischiare di nuovo il dialogo e l’apertura a sé, con cordialità e coraggio come investimento nell’amore. La persona sceglie di credere di essere amabile, perché creata e chiamata alla vita con amore, quindi degna che il coniuge si impegni con lei per sempre. Ciò significa ritenere a priori di essere accettati e amati. E scoprire che anche il coniuge è creato a immagine e somiglianza del Creatore, quindi infinitamente più grande di quello che appare e degno di stima e di fiducia.

E’ importante fare un cammino di riscoperta di sé e dell’altro. Ogni persona non è un errore, perché Dio non produce scarti. Infatti, nel libro della Genesi, dopo aver completato la creazione, il Signore vede tutto quel che aveva fatto ed era davvero molto buono. Questa immagine della bontà e bellezza si riferisce a ogni persona,nessuno escluso.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Shopping natalizio per le vie di Milano
NATALE | COLDIRETTI

Il 39% degli italiani spenderà la tredicesima in regali

Ogni famiglia spenderà in media 528 euro tra cibo, viaggi e divertimento
Turista al Colosseo
MIBACT

Al via Passeggiate Fotografiche Romane

Dal 15 al 17 dicembre lungo 5 percorsi capitolini
Il sistema Kepler 90 e il nostro a confronto:
KEPLER

Scoperto il gemello del Sistema Solare

Formato da otto pianeti, dista 2.545 anni luce
Polizia
OSTIA

Arrestati ex dirigente del Municipio e due imprenditori

Accusati di corruzione, abuso d’ufficio, falsità ideologica e millantato credito
MEDICI E VETERINARI

Nuovo sciopero a febbraio

Fermi i giorni 8 e 9. Sindacati: "La sanità pubblica è in emergenza"
Il premier Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Dublino e relocation scogli in discussione Ue"

Lo ha detto il premier italiano dal summit europeo di Bruxelles
L'esito del voto sul Biotestamento (Lapresse)

Congiura contro la vita

Il cupo sodalizio tra Pd e Movimento 5 stelle sul fine vita ha determinato al Senato della Repubblica...
Maria Elena Boschi
BANCA ETRURIA

Boschi: "Nessun favoritismo, non mi dimetto"

Il sottosegretario ospite a 'Otto e mezzo'. Scontro con Travaglio: "Fossi stata uomo non mi avrebbe tratta...