MERCOLEDÌ 22 FEBBRAIO 2017, 11:36, IN TERRIS

Trump, ennesimo giro di vite contro gli immigrati irregolari: in arrivo nuove leggi e più agenti

Delle politiche sull'immigrazione che aveva stabilito Obama, resta in piedi solo quella che riguarda i cosiddetti "dreamers", ossia gli immigrati che entrarono illegalmente nel Paese quando erano bambini

AUTORE OSPITE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Trump, ennesimo giro di vite contro gli immigrati irregolari: in arrivo nuove leggi e più agenti
Trump, ennesimo giro di vite contro gli immigrati irregolari: in arrivo nuove leggi e più agenti
Un ennesimo giro di vite sull'immigrazione clandestina è stato varato dall'amministrazione del presidente Trump, che ha diffuso un documento con nuove leggi sulle espulsioni, che da ora saranno possibili anche per clandestini che che si sono macchiati di reati minori e saranno rese più veloci. L'annuncio è stato dato dal portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, il quale ha rassicurato che l'obiettivo non sono espulsioni di massa.

I nuovi decreti


Il ministro della Sicurezza Interna, John Kelly, ha emanato due nuovi decreti che mettono a rischio di espulsione quasi la metà degli 11 milioni di stranieri, che in base a delle stime risultano presenti sul suolo Usa, e che sono privi di documenti regolari. In base alle nuove leggi, è previsto che le pattuglie di frontiera e gli agenti dell'immigrazione espellano il più velocemente possibile qualsiasi clandestino venga individuato, fatta eccezione per i minori. Inoltre, mentre l'amministrazione Obama prevedeva l'allontanamento dal suolo americano di tutti quegli irregolari che si erano macchiati di reati gravi, ora con Trump finiranno nel mirino anche coloro che hanno commesso reati minori.

I dreamers


Delle politiche sull'immigrazione che aveva stabilito Obama, resta in piedi solo quella che riguarda i cosiddetti "dreamers", ossia gli immigrati che entrarono illegalmente nel Paese quando erano bambini. Il programma Deferred Action for Childhood Arrivals prevede che vengano emessi per loro dei permessi per motivi di lavoro e l'immunità dall'espulsione.

No al muro, sì alla stretta sull'immigrazione


Inoltre, nonostante le migliaia di persone che sono scesa in piazza in varie città americane per protestare contro Donald Trump, da un sondaggio targato Harvard-Harris e pubblicato da The Hill, emerge che un'ampia maggioranza degli americani sostiene le politiche di Trump sull' immigrazione, a parte il muro col Messico, a cui il 53% degli intervistati è contrario (47% a favore). Ma il 53% supporta il suo bando temporaneo contro rifugiati e cittadini provenienti da 7 Paesi islamici (47% contro). Il 75% è a favore di un maggior controllo al confine (25% contro) e l'80% contro le cosiddette città santuario e la loro tutela dei clandestini. L'80% ritiene che le autorità locali delle città santuario - rette in genere da sindaci dem - dovrebbero consegnare i clandestini a quelle federali e il 52% è a favore della revoca dei fondi federali a queste città. Il 77% in ogni caso è favorevole ad una riforma complessiva dell'immigrazione (23% contro).
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un robot in esposizione alla fiera di Roma - Foto © Maker Faire Rome
NUOVE FRONTIERE

Idee per le aziende 4.0

In fiera a Roma l'innovazione tecnologica che cambia l’economia
Migranti al porto
MIGRANTI

In Ottobre sbarcate in Italia 762 persone

Viminale: da inizio anno sono 8.395 i migranti giunti sulle nostre coste
Bimbo davanti al pc
FIRENZE

Un "patentino digitale" contro i pericoli del web

Pensato per gli studenti delle scuole secondarie di primo grado e i loro familiari
Carabinieri
CAMPANIA

Camorra: 23 arresti ad Avellino

Smantellato il clan Partenio, l'operazione ha visto impegnati 250 militari dell'Arma
Bambino indigeno
SINODO AMAZZONIA

Focsiv, incontro a Roma con i leader dei popoli indigeni

"Difendere l’Amazzonia è difendere il diritto allo sviluppo umano integrale"

A quando l'Europa leader mondiale!

Dopo gli attacchi sferrati in questi ultimi anni contro la Unione Europea da parte degli euroscettici quando non da...
Le scarpe rosse, simbolo della protesta contro i maltrattamenti sulle donne
VIOLENZA SULLE DONNE

Lei lo vuole lasciare, lui la picchia a sangue

Massacra di botte la compagna, arrestato un moldavo nel Ferrarese. Boom di casi sommersi
Hevrin Khalaf, l'attivista siriana uccisa in un agguato nel nord-est della Siria
VICINO ORIENTE

Siria, uccisa l'attivista Khalaf

Morto anche un giornalista non lontano dal fronte. Si teme un ritorno dell'Isis
Un momento delle proteste degli ultimi giorni per le strade di Quito - Foto © AFP
AMERICA LATINA

Ecuador, i giorni degli scontri

Clima di guerra nelle strade di Quito. Si cerca la via del dialogo fra il presidente Moreno e i leader indigeni
Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte - Foto © AFP
POLITICA

Zanda (Pd): "Il premier chiarisca sul Russiagate"

In attesa della sua audizione al Copasir, nella maggioranza si chiede a Giuseppe Conte di "rassicurare l'opinione...
Foto di repertorio - Foto © Corriere Etneo
LA TRAGEDIA

Incidente stradale, morti quattro giovani

L'auto si schianta contro un guardrail nel Catanese. Il gruppo ritornava da una serata in discoteca
EMERGENZE DIMENTICATE

Senza sicurezza lavorare uccide

Nella 69° Giornata per le vittime del lavoro, manifestazioni e convegni per fermare la “strage silenziosa”