VENERDÌ 22 FEBBRAIO 2019, 10:27, IN TERRIS


PPE

Fidesz di Orban rischia l'espulsione

Non rientra il caso degli attacchi a Juncker da parte del governo ungherese

DANIELE VICE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
I manifesti contro Juncker e Soros
I manifesti contro Juncker e Soros
I

l partito del premier ungherese Viktor Orban, Fidesz, rischia l'espulsione dal Partito popolare europeo dopo gli attacchi del governo di Budapest al presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker. Lo riporta l'Agi che cita fonti interne al Ppe.


Accuse

Gunnar Hoekmark, deputo europeo svedese del Ppe, ha chiesto che la questione venga discussa dalla leadership del partito la prossima settimana. Secondo altre fonti, Orban potrebbe finire "sotto processo" al vertice dei capi di Stato e di governo del Ppe di marzo. Manfred Weber, capogruppo all'Europarlamento e capolista del Ppe alle elezioni europee, ha lanciato un avvertimento al premier ungherese. "Parte del discorso sullo stato della nazione (di Orban) e la campagna di manifesti contro Jean-Claude Juncker causa grande incomprensione e rabbia nel Ppe", ha detto Weber in un'intervista alla Suddeutsche Zeitung: "Non si può appartenere al Ppe e al contempo fare campagna contro l'attuale presidente Ppe della Commissione".


Casus belli

Lunedì il governo ungherese aveva lanciato dalla propria pagina Facebook una campagna mediatica contro il finanziere ungaro-americano George Soros e Juncker, accusati di favorire l'immigrazione clandestina e di minare la tenuta delle frontiere del Paese. La replica della Commissione era arrivata a stretto giro. "Gli ungheresi meritano fatti veri e non fiction", aveva reagito il portavoce dell'esecutivo comunitario Margaritis Schinas. "Non è vero che l'Ue mina la protezione delle frontiere, è l'esatto contrario. E non c'è alcun piano sui visti umanitari, gli Stati decidono fino a che punto vogliono accogliere la migrazione legale", aveva aggiunto. "Sono totalmente incapace di odiare davvero qualcuno - aveva detto Juncker - Orban è mio buon amico. Ho visto questi poster pieni d'odio in giro per l'Ungheria e non mi arrendo. Farò l'esatto contrario. In Europa non si va avanti se i Paesi si combattono gli uni con gli altri, o se c'è odio nel gruppo. Ora basta". 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Sassuolo-Roma 0-0. Under inseguito da Rogerio
SERIE A

Sassuolo-Roma a reti bianche: vince la contestazione

Tifosi giallorossi contro la società dopo il caso De Rossi. In coda pari Cagliari-Genoa, vince l'Udinese
Passeggeri su un convoglio Trenord
MILANO

Maxi rissa in treno: 4 feriti

Tre gambiani e un senegalese sono finiti in ospedale
I soccorsi

Torino: anziano aggredisce donna incinta

L'uomo si è scagliato anche contro i carabinieri che lo stavano arrestando
Il camper della famiglia dopo il rogo
CONFESSIONE CHOC

Cagliari, la madre di Esperanza: "L'ho soffocata io"

Della bimba di 20 mesi si erano perse le tracce il 23 dicembre scorso
La Luna
SPAZIO

La Nasa presenta Artemis

La sorella gemella di Apollo si prepara per riportare gli astronauti sulla Luna
LAVORO

L'impegno di Assisi per contrastare la disoccupazione

Ecco i percorsi messi in campo dalla diocesi