VENERDÌ 22 FEBBRAIO 2019, 10:27, IN TERRIS


PPE

Fidesz di Orban rischia l'espulsione

Non rientra il caso degli attacchi a Juncker da parte del governo ungherese

DANIELE VICE
I manifesti contro Juncker e Soros
I manifesti contro Juncker e Soros
I

l partito del premier ungherese Viktor Orban, Fidesz, rischia l'espulsione dal Partito popolare europeo dopo gli attacchi del governo di Budapest al presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker. Lo riporta l'Agi che cita fonti interne al Ppe.


Accuse

Gunnar Hoekmark, deputo europeo svedese del Ppe, ha chiesto che la questione venga discussa dalla leadership del partito la prossima settimana. Secondo altre fonti, Orban potrebbe finire "sotto processo" al vertice dei capi di Stato e di governo del Ppe di marzo. Manfred Weber, capogruppo all'Europarlamento e capolista del Ppe alle elezioni europee, ha lanciato un avvertimento al premier ungherese. "Parte del discorso sullo stato della nazione (di Orban) e la campagna di manifesti contro Jean-Claude Juncker causa grande incomprensione e rabbia nel Ppe", ha detto Weber in un'intervista alla Suddeutsche Zeitung: "Non si può appartenere al Ppe e al contempo fare campagna contro l'attuale presidente Ppe della Commissione".


Casus belli

Lunedì il governo ungherese aveva lanciato dalla propria pagina Facebook una campagna mediatica contro il finanziere ungaro-americano George Soros e Juncker, accusati di favorire l'immigrazione clandestina e di minare la tenuta delle frontiere del Paese. La replica della Commissione era arrivata a stretto giro. "Gli ungheresi meritano fatti veri e non fiction", aveva reagito il portavoce dell'esecutivo comunitario Margaritis Schinas. "Non è vero che l'Ue mina la protezione delle frontiere, è l'esatto contrario. E non c'è alcun piano sui visti umanitari, gli Stati decidono fino a che punto vogliono accogliere la migrazione legale", aveva aggiunto. "Sono totalmente incapace di odiare davvero qualcuno - aveva detto Juncker - Orban è mio buon amico. Ho visto questi poster pieni d'odio in giro per l'Ungheria e non mi arrendo. Farò l'esatto contrario. In Europa non si va avanti se i Paesi si combattono gli uni con gli altri, o se c'è odio nel gruppo. Ora basta". 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Migranti
LIBIA

Msf: "Emergenza malnutrizione nei centri per migranti"

Un pasto ogni 2-3 giorni: "La Libia non è un porto sicuro"
Lavorazione industriale del cuoio
LOCRI

Scoperta evasione fiscale da 10 mln di euro

Denunciati i legali rappresentanti di due società operanti nella concia del cuoio
Spaccio di droga
NAPOLI

Traffico di droga ed estorsioni, 11 arresti

I destinatari dei provvedimenti sono residenti tra Frattamaggiore e Frattaminore
Il bus incendiato a San Donato
L'ATTACCO

Bus incendiato: studenti ancora sotto choc

Buona parte degli alunni coinvolti non tornerà a scuola oggi. Sy sotto stretta sorveglianza
Auto di lusso
PORDENONE

Maxi truffa su auto di lusso: 835 persone raggirate

Decine di indagati. Eseguiti anche ingenti sequestri di immobili e valori in tutt'Italia
Tribunale

Chi ha buone orecchie intenda

La vicenda triste del capogruppo dei M5stelle al Comune di Roma insegna a tutti, ancora una volta, che non basta...