DOMENICA 24 FEBBRAIO 2019, 14:52, IN TERRIS


VENEZUELA

Deputato d'opposizione avvelenato in Colombia

Freddy Superlano, del partito di Guaidò, intossicato dal "respiro del diavolo". Morto suo cugino

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Freddy Superlano
Freddy Superlano
E'

in condizioni gravi ma stabili Freddy Superlano, membro del partito d'opposizione di Juan Guaidò, il quale sarebbe stato avvelenato in un ristorante di Cucuta, in Colombia. Secondo quanto riferito dal quotidiano El Nacional, suo cugino Carlos José Salinas è rimasto invece ucciso. I due si trovavano in Colombia per cercare di favorire l'ingresso in Venezuela degli aiuti umanitari. Al momento sono state avviate le indagini della Polizia colombiana, la quale ha ipotizzato che entrambi gli uomini abbiano ingerito la burundanga, il cosiddetto "respiro del diavolo", un alcaloide ricavato dalla corteccia di un albero chiamato borrachero, piuttosto diffuso in Colombia: una sostanza che, se assunta in dosi elevate, può rivelarsi mortale.


Scontri al confine

Un ulteriore elemento di tensione in Venezuela dove proseguono gli scontri sul confine tra manifestanti e forze di sicurezza, con due morti e 300 feriti fra i dimostranti. Lo stesso Guaidò, al termine della complicata giornata, durante la quale i dimostranti sono stati respinti con i lacrimogeni, ha affermato che si appellerà alla Comunità internazionale affinché restino aperte tutte le opzioni per cacciare Maduro: "Gli eventi di oggi mi hanno obbligato a prendere una decisione: proporre in modo formale alla comunità internazionale di mantenere tutte le opzioni disponibili per liberare questo Paese, che lotta e continuerà a lottare". Anche nella giornata precedente si erano registrati violenti scontri sul confine, sia colombiano che brasiliano, in particolare nel villaggio di Kumarakapay e in quello di Santa Elena di Uairen, dove si è cercato di impedire l'ingresso dal Brasile di aiuti umanitari.


L'attacco Pompeo

Intanto, un altro attacco contro Maduro è arrivato dagli Stati Uniti, in particolare dalle parole del segretario di Stato Mike Pompeo, secondo il quale il presidente venezuelano è "un tiranno pazzo" e "questi attacchi hanno causato morti e feriti. La nostra più profonda solidarietà va alle famiglie di chi è morto a causa di queste azioni criminali. Ci uniamo alla loro richiesta di giustizia". E ancora: "Che razza di tiranno pazzo può impedire che persone affamate possano ricevere del cibo? Le immagini dei camion di aiuti dati alle fiamme fanno star male. Gli Stati Uniti condannano gli attacchi contro i civili in Venezuela perpetrati dai teppisti di Maduro".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un aereo Alitalia
TRASPORTI

Alitalia, Fs sceglie Atlantia

Erano quattro le offerte sul tavolo. Fuori la Toto, c'è l'Spa con Mef e Delta
NERA

Lancia la figlia di 16 mesi dal balcone, poi tenta suicidio

Ancora poco chiaro il movente che ha spinto l'uomo al tragico gesto
Giornalismo
IL CASO

Caso Mihajlovic-Zazzaroni. Il confine scivoloso fra professione e amicizia

La difficile battaglia del mister, le scuse del giornalista: i complessi corollari di un dramma che diventa polemica
La sindaca Chiara Appendino
PIEMONTE

Torino, Appendino "licenzia" il vice sindaco

Per Guido Montanari fatali i contrasti sul Salone dell'Auto
Il Presidente Sergio Mattarella tra gli scuot
QUIRINALE

Mattarella: "Sottolineate la bellezza della condizione umana"

Il capo dello Stato agli scout: "Vivere insieme serenamente fa vivere meglio tutti"
MOBILE

Huawei investe in Italia: "Tre miliardi in tre anni"

Il colosso cinese pronto al piano europeo. Miao (Ceo Italia): "Previsti oltre 1000 posti di lavoro diretto"